Dissequestrato patrimonio famiglia Ponte

Per Misure prevenzione non provata commistione con Sbeglia

(ANSA) - PALERMO, 9 MAR - La sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo ha dissequestrato i beni del gruppo Ponte che amministra tre alberghi in città: Astoria, Garibaldi e Vecchio Borgo. I sigilli erano scattati un paio d'anni fa per la presunta commistione della proprietà con la famiglia Sbeglia e in particolare con Marcello, sotto inchiesta per mafia. Era stato arrestato nel 2014 perché ritenuto rampollo di un clan di costruttori che sarebbero punto di riferimento di diverse famiglie mafiose per la gestione degli appalti.
    Era stato lo stesso pubblico ministero, Calogero Ferrara, nelle scorse settimane a chiedere il dissequestro. L'indagine era nata da rapporti poco chiari fra il gruppo Ponte e la famiglia Sbeglia, soprattutto riguardo alla gestione dell'hotel Garibaldi e all'acquisto da parte del Gruppo Ponte di un credito vantato da Sicilcassa nei confronti degli Sbeglia. I Ponte si sono sempre difesi dicendo di avere messo a segno un'operazione finanziaria a loro favorevole, senza avvantaggiare gli Sbeglia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne