• Duplice omicidio Palermo: fermati i vicini, due coniugi insospettabili

Duplice omicidio Palermo: fermati i vicini, due coniugi insospettabili

Secondo investigatori agguato sarebbe legato a dissapori di vicinato. In un primo tempo il movente sembrava mafioso

Svolta nelle indagini sull'uccisione di Vincenzo Bontà, 45 anni, e Giuseppe Vela, di 52, assassinati ieri mattina in via Falsomiele a Palermo. In un primo tempo gli investigatori avevano ipotizzato un movente mafioso ma, invece, la vicenda potrebbe essere legata a dissapori di vicinato.

In nottata - infatti - la squadra mobile diretta da Rodolfo Ruperti ha fermato una insospettabile coppia di coniugi, vicini di casa di Bontà: Carlo Gregoli, 52 anni, un geometra del Comune addetto ai servizi cimiteriali, e la moglie Adele Velardo, 45 anni, casalinga.

Secondo gli investigatori il delitto sarebbe da collegare a vecchi dissapori per motivi di vicinato e non a un movente mafioso come si era ipotizzato in un primo momento anche in relazione ai legami di parentela di Bontà, genero del boss Giovanni Bontade ucciso a Palermo con la moglie, Francesca Citarda, nel 1988. I due coniugi, che si protestano innocenti, abitano a pochi metri dal tratto di via Falsomiele dove è avvenuto il duplice omicidio. A inchiodarli sarebbe una telecamera di sorveglianza piazzata davanti al cancello di una villa che ha ripreso l'auto della coppia, un Suv Toyota, e la testimonianza di un'automobilista di passaggio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne