'Fiori di fuoco' racconta Borgo vecchio

Opera giovane regista palermitano, domani presentazione

(ANSA) - PALERMO, 21 FEB - Gli inizi del regista palermitano Riccardo Cannella, classe 1991, ricordano molto quelli del premio Oscar bagherese Giuseppe Tornatore: a 19 anni vince il Bisacquino Festival Set 2011 con il cortometraggio "La pietra e il ferro". Un anno dopo fa incetta di riconoscimenti con il controverso "Chi vuoi che sia" selezionato al David di Donatello e premiato al Parma Filmfestival e al festival doc Abruzzo, poi è la volta di "I come Isgrò", selezionato al Biografilmfestival di Bologna, che ricostruisce il percorso creativo di uno degli artisti italiani più riconosciuti a livello internazionale.
    E ora "Fiori di Fuoco", il saggio che diploma il ventiquattrenne videomaker al Centro sperimentale di Cinematografia raccontando il "Borgo vecchio", il rione popolare nel cuore della città di Palermo, ripreso sia nel fluire lento della quotidianità che nei ritmi concitati della festa della Patrona, Sant'Anna. Domani la presentazione alle 21 nella sede Sicilia del Centro Sperimentale ai Cantieri Culturali alla Zisa.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne