Confiscati beni clan Messina Denaro

Immobile di 49 vani adibiti a uffici riconducibile al boss

(ANSA) - TRAPANI, 20 FEB - Un duro colpo al patrimonio riconducibile a Matteo Messina Denaro ed alla famiglia mafiosa di Castelvetrano è stato inferto dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani, che hanno eseguito un decreto di confisca emesso dal tribunale di Trapani di un ulteriore immobile per un valore complessivo di circa 1,2 milioni di euro.
    Ad essere stato confiscato è stato un immobile di 49 vani adibiti ad uffici in via Mazzini, nei pressi del centro storico di Castelvetrano (Trapani) riconducibile a Vito Signorello, arrestato dai carabinieri del R.o.s. e del comando provinciale di Trapani nel dicembre del 2011 e condannato successivamente per associazione mafiosa. Il provvedimento completa un percorso investigativo che, dopo aver portato all'arresto di esponenti di spicco dell'organizzazione criminale, aveva allo stesso tempo individuato un ingente patrimonio accumulato dal sodalizio, comprendente aziende olearie, attività commerciali, abitazioni, terreni e numerosi rapporti bancari.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Imprese & Mercati

Avv. Santo Spagnolo - Studio Legale Spagnolo e associati

Studio legale Spagnolo e associati: Il “Le Fonti award” come miglior team 2017.

Avvocato Santo Spagnolo: “lavorare in sinergia è la nostra forza”.


Dott. Italo Garigale

Studio di chirurgia estetica Garigale: I laser frazionati: l’ultima frontiera della medicina estetica.

Dottor Italo Garigale: la nuova tecnica di ispirazione indiana permette interventi mini invasivi e tempi di recupero record.


Responsabilità editoriale di Pagine SÌ! S.p.A.
Vai alla rubrica: Pianeta Camere