Estorsioni: 2 condannati 3 assolti

Processo nato dopo aggressione per rifiuto a pagare il pizzo

(ANSA) - PALERMO, 19 FEB - Il Tribunale di Palermo ha condannato a 16 anni Giovanni Buscemi e a 16 anni e 8 mesi Carlo Russo, accusati di mafia ed estorsioni. Il processo è nato dopo l'aggressione a un commerciante di Palermo che si era rifiutato di pagare il pizzo. Assolti (con il secondo comma dell'articolo 530 "perché manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova che il fatto sussiste") Angelo De Stefano e Cherki El Ghana, che erano accusati di tentativo di omicidio, e Marco Neri (assistito dagli avvocati Tommy De Lisi ed Elvira Rusciano), accusato di mafia ed estorsione. La vittima, che è stata picchiata selvaggiamente il 2 novembre 2013 con colpi di mazzuolo davanti al suo negozio di casalinghi nel quartiere Noce, ha raccontato agli inquirenti la vicenda che portò a quel brutale pestaggio ripreso dalle telecamere di sorveglianza. Due degli arrestati, Giuseppe Castelluccio e Massimiliano Di Majo, sono stati condannati a 16 anni con il rito abbreviato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere

Progetto Caltanissetta e Caserta sicure e moderne