Assolti Cuffaro e Lombardo 'per errore pm', pratica a Csm

Zanettin chiede apertura fascicolo in prima commissione

(ANSA) - ROMA, 26 GEN - Il consigliere laico di Forza Italia Pierantonio Zanettin ha chiesto l'apertura di una pratica nella prima commissione del Csm in relazione al comportamento dei magistrati della procura di Palermo che si sono occupati di un processo, di cui scrive oggi l'edizione siciliana della Repubblica, conclusosi in tribunale con l'assoluzione degli imputati Cuffaro, Lombardo, Cascio, Interlandi, Sorbelli e Di Mauro.
    Secondo quanto si legge nell'articolo (dal titolo "Palermo, inquinamento: tre anni di processo inutile. 'Il pm ha sbagliato imputati'"), "il processo - sottolinea Zanetti - è finito in un nulla di fatto perché la Procura avrebbe sbagliato imputati ed imputazioni. Infatti, il Presidente della quarta sezione del Tribunale Vittorio Alcamo ha motivato l'assoluzione di tutti gli imputati affermando che 'avrebbero meritato un ben più centrato procedimento a carico dei soggetti realmente responsabili'.
    Peraltro, nell'articolo si afferma che ora il reinvio degli atti ai pm è sostanzialmente vano perché i fatti contestati sono già andati in prescrizione". Zanetti chiede, "pertanto, l'apertura di una pratica in prima commissione per verificare se dal comportamento dei magistrati della Procura di Palermo, che hanno seguito il caso in esame, sia derivato un appannamento dell'immagine e del prestigio della Magistratura, sotto il profilo della imparzialità e terzietà".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere