Crisi Gela, aumentano giovani emigrati

Popolazione diminuita di 362 abitanti

(ANSA) - GELA (CALTANISSETTA), 24 GEN - La chiusura della raffineria dell'Eni e la conseguente crisi occupazionale stanno inducendo molti gelesi a cercare lavoro nelle regioni del Nord e all'estero. Considerando solo quelli che decidono di portar via anche la residenza, la popolazione di Gela, in un anno, è diminuita di 362 abitanti essendo passata da 76.930 cittadini del dicembre 2014 ai 76.568 dello stesso periodo del 2015 (-0,47%, fonte "Anagrafe" Comune di Gela). Cifra e percentuali dei gelesi "migranti", però, raddoppiano, se si considera che l'Eni ha trasferito, "a comando provvisorio" in altri stabilimenti italiani e nelle sue sedi sparse nel mondo, centinaia di dipendenti diretti, dichiarati "esuberi" del petrolchimico. "E' la fuga da una città che sta morendo", dicono i sindacati, mobilitati nella lotta (oggi è il sesto giorno dei blocchi alle vie di accesso alla città) in difesa della riconversione della raffineria e per l'avvio dei lavori di bonifica del territorio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai alla rubrica: Pianeta Camere