• Caso Giovanni Lo Porto, la mamma: 'Lasciatemi con il mio dolore'

Caso Giovanni Lo Porto, la mamma: 'Lasciatemi con il mio dolore'

Da tre anni e 3 mesi non vedeva il figlio

Dolore e sgomento in casa Lo Porto a Palermo dove abita la famiglia del cooperante sequestrato nel 2012 e rimasto ucciso nel corso di un raid americano contro al Qaida nel gennaio scorso, al confine tra Pakistan e Afganistan. Nell'appartamento al piano rialzato del palazzo di via Pecori Giraldi, nel quartiere periferico di Brancaccio, mamma Giusi fa sapere che non vuole parlare con nessuno: "lasciatemi con il mio dolore...".

Attorno a lei è un un via vai di persone, amici, parenti, molti dei quali restano in attesa nell'androne. "Conosco Giusi da 38 anni - dice un'amica di famiglia, Rosa Lo Nardo - per me e' come una sorella. Ha avuto la notizia dal telegiornale. E' distrutta non vuole parlare con nessuno. Da tre anni e 3 mesi non vedeva il figlio, ma aveva sempre la speranza nel cuore di riabbracciarlo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


vai

ANSA ViaggiArt

Al confino a Ustica, testimonianze antifasciste

Tra il 1926 e il 1927 nella piccola isola vennero confinati molti esponenti della sinistra italiana, da Gramsci a Bordiga. La testimonianza del loro passaggio in una mostra a Palermo

Confino degli antifascisti a Ustica, mostra di foto a Palermo (ANSA)