Stato-mafia: indagine si allarga a P2 ed eversione nera

Depositati nuovi atti, carte inviate a pm Brescia

(ANSA) - PALERMO, 16 SET - I rapporti tra l'ex generale dei carabinieri Mario Mori e Licio Gelli e i contatti dell'ex ufficiale dell'Arma, per anni al Sid, con il terrorismo nero entrano nell'inchiesta sulla trattativa Stato-mafia che si "allarga" fino ad arrivare agli anni '70 e ai trascorsi di Mori nei Servizi Segreti.
    Da mesi i magistrati del capoluogo siciliano, che hanno trasmesso parte dei risultati della loro inchiesta alla Procura di Brescia (titolare dell'indagine sulla strage di Piazza della Loggia) stanno scandagliando il passato di Mori. E oggi hanno depositato, agli atti del dibattimento sulla trattativa in cui l'ex generale è accusato di minaccia a Corpo politico dello Stato, una serie di documenti che proverebbero i suoi rapporti con l'ex Venerabile della P2 e alcuni terroristi neri. Tra i documenti depositati dai pm Roberto Tartaglia e Nino Di Matteo il verbale di interrogatorio di un ex ufficiale del Sid, Mauro Venturi, che negli anni '70 lavorò a stretto contatto con Mori, che racconta che l'allora capitano, voluto nei Servizi da un uomo vicino a Vito Miceli, gli propose di entrare nella P2.
    "Mi disse che non era una Loggia come le altre - ha detto Venturi - e mi invitò ad andare a casa di Gelli. Alle mie perplessità reagì dicendomi che quelli del Sid erano garantiti e che sarebbero stati inseriti in liste riservate".
    Venturi sostiene anche che Mori gestiva i contatti con la rivista Op di Mino Pecorelli.
    A parlare dei contatti tra l'ex generale e Gelli c'è anche un verbale di interrogatorio che una ex fonte del generale, Gianfranco Ghiron, molto vicino all'estrema destra e agli 007 americani, rese al giudice istruttore di Brescia nel 1975.
    Ghiron racconta di avere presentato a Mori il terrorista nero Amedeo Vecchiotti. E che da lui ricevette un biglietto in cui si annunciava la fuga in Argentina di Gelli. "Avverti Mori - scriveva Vecchiotti che si riferisce all'ex generale col suo nome di copertura di Giancarlo Amici - Dico ciò perché se la partenza di Gelli danneggia mr Vito (il generale Vito Miceli ndr) lo fermino, altrimenti, se è meglio che vada, lo lascino andare". (segue).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai alla rubrica: Pianeta Camere