Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > Robot rettili, documentaristi per riprendere gli animali

Robot rettili, documentaristi per riprendere gli animali

Simili a coccodrilli e lucertole, utili anche per i soccorsi

30 gennaio, 10:11
Il robot coccodrillo (fonte: Politecnico di Losanna) Il robot coccodrillo (fonte: Politecnico di Losanna)

Perfettamente simili nell'aspetto a coccodrilli e lucertole, si muovono esattamente come loro: sono i robot documentaristi, progettati dal Politecnico di Losanna e utilizzati in un esperimento fatto sul campo con la Bbc per riprendere le immagini di animali selvatici in Africa, ma che in futuro potrebbero essere utilizzati anche per la ricerca e le missioni di soccorso.

Non solo telecamere
I produttori della Bbc si sono rivolti ad Auke Ijspeert, del laboratorio di biorobotica del Politecnico di Losanna, dopo aver visto il video di una salamandra robot, il Pleurobot, e gli hanno chiesto di costruire un coccodrillo adulto e una lucertola monitor per il loro programma 'Spy in the Wild'. Dotati di videocamere al posto degli occhi, i robot-rettili sono dei 'guardoni' delle aree selvatiche, che osservano e filmano il comportamento degli animali nella vita reale nel loro habitat. Ma i robot rettili sono molto di più di semplici 'spie' controllate da remoto. Sono infatti uno strumento per studiare il movimento degli animali e la loro biomeccanica. ''Studiamo la loro biologia, raccogliamo dati e informazioni per progettare il robot, che poi impieghiamo per capire meglio la biologia dell'animale'', commenta Kamilo Melo, uno dei ricercatori.

 

Il banco di prova dei robot rettili
Per progettarli i ricercatori hanno dovuto studiare i coccodrilli e monitorare le lucertole per riprodurne il movimento mentre camminano, imitando le articolazioni con dei motori, le ossa con fibre di alluminio e carbonio, e la pelle con un rivestimento impermeabile fatto di lattice. Un mini-computer, connesso a 24 motori necessari a far muovere i rettili, può essere controllato fino a 500 metri di distanza. L'Uganda è stato il terreno perfetto per testare la robustezza dei robot rettili: il Murchison Falls Natural Park è umido, fangoso e polveroso, con temperature molto alte. I robot rettili in futuro potrebbero essere utilizzati nelle situazioni di emergenza, come i terremoti, per trovare e soccorrere le vittime

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA