Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > 'Polvere neurale' per controllare muscoli e nervi

'Polvere neurale' per controllare muscoli e nervi

Minuscoli sensori wireless da impiantare nell'organismo

04 agosto, 15:49
Il sesnore impiantabile delle dimensioni di un granello di polvere (fonte: Ryan Neely) Il sesnore impiantabile delle dimensioni di un granello di polvere (fonte: Ryan Neely)

E' pronta la 'polvere neurale', il primo sensore wireless delle dimensioni di un granello di polvere, che può essere impiantato nell'organismo. E' un risultato che apre la strada alla possibilità di controllare dall'interno muscoli, nervi e protesi. Descritta sulla rivista Neuron, la polvere è stata realizzata dal gruppo coordinato da Michel Maharbiz, e Jose Carmena, dell'università della California a Berkeley.



I mini sensori sono stati impiantati con successo nei muscoli e nei nervi dei ratti e possono essere alimentati con gli ultrasuoni. I dispositivi funzionano infatti grazie a un cristallo piezoelettrico che converte le vibrazioni degli ultrasuoni in energia elettrica, destinata ad alimentare un piccolo transistor.

L'esperimento, secondo gli autori, apre le porte anche alla possibilità di trattare, attraverso impulsi elettrici emessi dai sensori, malattie come l'epilessia, oppure di stimolare, sempre con gli impulsi elettrici, il sistema immunitario per bloccare le infiammazioni. In prospettiva il prossimo passo sarà miniaturizzare ancora di più i sensori, fino a ridurli alla metà del diametro di un capello umano. Solo in questo modo potranno essere impiantati nel cervello per registrare continuamente la sua attività elettrica e per curare l'epilessia, senza usare elettrodi collegati a fili.

Secondo Maharbiz le prospettive a lungo termine potrebbero essere ancora più ampie: ''finora - ha detto - non è mai stato possibile avere accesso ai dati del corpo umano catturati costantemente dall'interno''. In futuro questi sensori wireless potrebbero essere sistemati accanto a un nervo, a un muscolo o a un organo per registrane l'attività, trasmettendo le informazioni a un dispositivo esterno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA