Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > S&T Ragazzi > EUfactor > Portare Internet sott'acqua, nei mari e nei fiumi

Portare Internet sott'acqua, nei mari e nei fiumi

Progetto Sunrise a #EuFactor per connettere gli oceani

01 giugno, 10:44
Portare Internet sott'acqua, nei mari e nei fiumi  (fonte: Marco Merola/Salvo Emma/Progetto Sunrise) Portare Internet sott'acqua, nei mari e nei fiumi (fonte: Marco Merola/Salvo Emma/Progetto Sunrise)

Collegare robot, sensori e boe con una rete wi-fi subacquea: è il progetto Sunrise, il cui obiettivo è di connettere gli ambienti sottomarini e funzionare da base per progetti di ogni tipo, dal monitoraggio ambientale fino alla ricerca di navi disperse. Il progetto, inserito nel VII programma quadro dell'Unione Europea, ha come capofila l'università Sapienza di Roma ed è stato presentato a #EuFactor.

Buona parte del nostro pianeta è ricoperto dalle acque ma riuscire a studiare questo 'mondo' è ancora difficile e costoso, partendo da questa sfida è nato il progetto Sunrise, uno dei progetti innovativi selezionati da Commissione Europea per promuovere la campagna di sensibilizzazione #EuFactor che ha lo scopo di avvicinare i più giovani a entrare nel mondo della ricerca scientifica.

L'idea di Sunrise è di realizzare un 'kit' per creare reti internet capaci di collegare sensori, boe e robot che lavorano sott'acqua. Una delle maggiori difficoltà da superare è stata creare un metodo di comunicazione innovativo, dato che in acqua le 'tradizionali' onde elettromagnetiche, usate ad esempio per il wifi, hanno difficoltà a propagarsi.

Per questo si sono ispirati alle balene e i dati vengono trasmessi tra una boa e l'altra usando semplicemente il suono, come i sonar. Ogni boa è capace così di comunicare con altre boe creando una rete su cui possono collegarsi strumenti di ogni tipo, come sensori o robot subacquei che possono muoversi restando sempre connessi. Un primo prototipo è stato già sperimentato bei mari della Sicilia e gli speciali modem acustici potrebbero essere immessi sul mercato tra 2 o 3 anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA