Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > Sfida uomo-computer nel gioco più difficile del mondo

Sfida uomo-computer nel gioco più difficile del mondo

AlphaGo contro il campione mondiale, segui la diretta

09 marzo, 10:07
Sfida uomo-computer nel gioco del Go (fonte: Fcb981) Sfida uomo-computer nel gioco del Go (fonte: Fcb981)

Tutto pronto per la più grande sfida tra l'uomo e Intelligenza Artificiale: alle 5 del mattino del 9 marzo (ora italiana) a Seul il programma AlphaGo della Google DeepMind giocherà a Go, l'antico gioco da tavola cinese considerato un dei più difficili al mondo, contro il campione mondiale Lee Sedol. In palio c'è un milione di dollari e, se dovesse vincere AlphaGo, il premio andrà in beneficenza.



Solo pochi decenni fa era quasi impensabile pensare che una macchina potesse sconfiggere un uomo a scacchi un uomo, ma poi mise tutto in discussione l'epica sfida del 1997 tra il campione mondiale Garry Kasparov e il computer Deep Blue della Ibm che si concluse con la vittoria della macchina. Nonostante questa vittoria, seguita da una lunga coda di polemiche su eventuali irregolarità dei programmatori, i campioni umani continuano ancora oggi ad essere all'altezza della sfida contro il computer, ma con il Go si apre ora un nuovo 'campo di battaglia'. A resistere all'intelligenza delle macchine restavano ancora pochi giochi tra cui spiccava il Go, un antichissimo gioco da tavola cinese considerato praticamente impossibile per un 'bruto' Pc.

L'altissimo numero di mosse possibili, enormemente più grande rispetto a quello degli scacchi, rende praticamente impossibile l'uso della cosiddetta 'forza bruta', ossia l'elaborazione di tutte le possibili combinazioni: per questo si riteneva che i computer non potessero avere speranze. Eppure AlphaGo si presenta alla sfida di Seul dopo aver sonoramente battuto 5 a 0 il campione europeo e il risultato contro Lee Sedol potrebbe non essere scontato. Il segreto di AlphaGo è la sua 'umanità': questo sistema di Intelligenza Artificiale è infatti stato realizzato prendendo a modello le reti neurali del cervello umano. Grazie a questa sua caratteristica, AlphaGo gioca in modo simile all'uomo e, dopo aver giocato milioni di partite contro se stesso, è pronto a sfidare il campione del mondo in 5 incontri programmati a partire dal 9 marzo per i sette giorni successivi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA