Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > Intelligenza artificiale amica dei controllori di volo

Intelligenza artificiale amica dei controllori di volo

Li aiuta se sono sotto stress, nata da progetto Ue realizzato in Italia

18 novembre, 15:23
I test per la validazione del sistema Nina (fonte: NINA Project) I test per la validazione del sistema Nina (fonte: NINA Project)

Si chiama Nina la forma di intelligenza artificiale amica dei controllori di volo, al punto da 'accorgersi' se sono sotto stress per sostituirli, almeno in parte. E' stata realizzata in Italia, nell'ambito del progetto europeo Sesar Wpe, volto a migliorare il controllo del traffico aereo, dal consorzio costituito dall'università Sapienza di Roma, la scuola nazionale francese per l'aviazione civile (Enac) e la società italiana Deep Blue.

Nato nel settembre 2013, il progetto ha una durata di 27 mesi ed è in dirittura d'arrivo per fine novembre. I suoi risultati arrivano in un periodo nel quale gli allarmi per il rischio di attentati sono purtroppo diffusi e diventa cruciale fare in modo che i controllori di volo non accumulino livelli di stress elevati. Evitare questo 'sovraccarico' di fatica e tensione è possibile perchè Nina (Neurometrics Indicators for ATM) è in grado di misurare in tempo reale il carico di lavoro mentale dei controllori di volo: speciali sensori registrano l'attività cerebrale dei controllori di volo, rilevando i livelli di attenzione e fatica e li inviano ad un computer in grado di fornire risposte immediate.

''In questa fase di validazione i sensori hanno ancora l'aspetto di una 'cuffia', ma in futuro avranno forme diverse e dimensioni ridotte'', osservano i coordinatori di progetto dell'azienda Deep Blue, Simone Pozzi e Stefano Bonelli. In futuro i controllori di volo potranno utilizzare Nina indossando, per esempio, fasce da appoggiare sulla fronte, o piccoli dispositivi da fissare al colletto della camicia. L'uso di Nina nella torre di controllo, quindi nel pieno delle operazioni, è ''solo uno degli scenari possibili, il sistema potrà essere utilizzato anche per l'addestramento'', ad esempio nella simulazione di situazioni di emergenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA