Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > Norman Atlantic, ecco il laser che può vedere oltre il fumo

Norman Atlantic, ecco il laser che può vedere oltre il fumo

Realizzato in Italia, esiste anche versione portatile

30 dicembre, 09:45
Laser italiano 'vede' i superstiti oltre il fumo e le fiamme (fonte:  Istituto di Cibernetica 'E. Caianiello'-CNR) Laser italiano 'vede' i superstiti oltre il fumo e le fiamme (fonte: Istituto di Cibernetica 'E. Caianiello'-CNR)

Un laser tutto italiano potrebbe essere usato per identificare i superstiti imprigionati oltre la cortina di fumo e fiamme in situazioni di emergenza come quella a bordo del Norman Atlantic: installato nei corridoi di navi e traghetti, consentirebbe di monitorare la situazione da una centrale operativa a distanza; compattato nella sua nuova versione trasportabile, potrebbe essere portato a spalla dai vigili del fuoco e dai soccorritori durante le ispezioni.

L'idea è dei ricercatori dell'Istituto di Cibernetica 'E. Caianiello' del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) a Pozzuoli. Il gruppo, guidato da Pietro Ferraro insieme a Melania Paturzo e Vittorio Bianco, ha già brevettato negli Stati Uniti il sistema laser statico per installazioni fisse, e a breve presenterà la nuova versione portatile sulla rivista Journal of Display Technology. I prototipi già realizzati dal Cnr sono in grado di 'vedere' attraverso le miscele dense e opache alla luce (chiamate colloidi) come il sangue, il latte, ma anche la nebbia, il fumo e le fiamme. Per farlo sfruttano l'effetto Doppler, il fenomeno fisico che consiste nel cambiamento della lunghezza d'onda percepita da un osservatore raggiunto da un'onda emessa da una sorgente in movimento: lo stesso fenomeno è quello che sperimentiamo quando ascoltiamo la sirena di un'ambulanza, che ci appare diversa quando è in avvicinamento rispetto a quando è in allontanamento.

Particolarmente adatto alle situazioni di emergenza è il laser nella sua nuova versione portatile. ''Il dispositivo è grande come una telecamera di una troupe televisiva e può essere portato a spalla dai soccorritori'', spiega Pietro Ferraro. Il laser, grande quasi quanto una scatola da scarpe, è affiancato da un sistema di specchietti mobili, che direziona il raggio sulla superficie da scansionare, e da un rilevatore a infrarossi a bassa risoluzione. ''La novità - aggiunge Ferraro - sta nel piccolo filtro che fa passare solo la radiazione di ritorno del laser, evitando che il rilevatore venga accecato dalle radiazioni emesse dalle fiamme''. In questo modo, il sistema consente di 'vedere' e filmare quello che c'è oltre il fumo e le fiamme, individuando la presenza di superstiti fino ad una decina di metri di distanza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA