Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Sul Sole una macchia grande due volte la Terra

Sul Sole una macchia grande due volte la Terra

Radiotelescopio Alma inizia studio della nostra stella

19 gennaio, 19:43
Sul Sole una macchia nera grande due volte la Terra (fonte: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO)) Sul Sole una macchia nera grande due volte la Terra (fonte: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO))

Un'enorme macchia, grande due volte il diametro della Terra, è comparsa sulla superficie del Sole: a fotografarla è il radiotelescopio Alma, in Cile, che ha puntato per la prima volta il suo sguardo sulla nostra stella. Grazie ad alcune modifiche, la schiera di 66 parabole mobili del radiotelescopio dell'Osservatorio Europeo Meridionale (Eso) da adesso potrà dedicarsi anche allo studio del Sole.

Il radiotelescopio Alma studia la nostra stella
Per il suo debutto in questo nuovo campo di osservazioni Alma (Atacama Large Millimeter Array) si è concentrato su una macchia solare comparsa pochi giorni fa sulla superficie della nostra stella. Le immagini ottenute osservando la luce in arrivo, quella con lunghezze d'onda comprese tra 1,25 e 3 millimetri, servivano principalmente per dimostrare le capacità di questo potentissimo strumento nato per lo studio del cielo notturno. Puntare le parabole verso una fonte di luce così intensa avrebbe infatti danneggiato gli strumenti, facendoli letteralmente fondere, ma grazie a delle modifiche è stato possibile aggirare il limite. I primi scatti hanno subito messo in luce dettagli della macchia impossibili da vedere per la stragrande maggioranza dei telescopi solari oggi in uso, in particolare hanno evidenziato delle grandi irregolarità presenti attorno al 'buco' scuro. 

Sul Sole una macchia nera grande due volte la Terra (fonte: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO))

Un aiuto per capire quello che succede sul sole
I dati che arriveranno da adesso promettono di fornire molte nuove preziose informazioni per capire meglio quello che avviene sulla nostra stella, come i meccanismi che portano alla formazione delle macchie e riuscire in futuro a prevedere l'evoluzione delle tempeste che periodicamente sconvolgono l'atmosfera del Sole e che possono comportare anche rischi per il nostro pianeta.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA