Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > In un 'film' la vita di 100 galassie

In un 'film' la vita di 100 galassie

Miliardi di anni condensati in 120 secondi nelle simulazioni fatte da un supercomputer

19 gennaio, 14:27
Un'immagine della galassia galaxy NGC 1232 (fonte: ESO) Un'immagine della galassia galaxy NGC 1232 (fonte: ESO)

Potrebbe sembrare l'immagine dello screensaver di un computer, e invece è il 'film' della nascita e vita di una galassia: miliardi di anni condensati in soli 120 secondi. A 'raccontarli', in simulazioni fatte con un supercomputer per 100 galassie, è stato un gruppo di ricercatori della New York University di Abu Dhabi, guidati dall'italiano Andrea Macciò. La ricerca è pubblicata sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

Ricostruita la vita di 100 galassie
''In due anni abbiamo realizzato al computer la simulazione della nascita, vita ed evoluzione di 100 galassie, dalle più piccole fino alla nostra Via Lattea, per spiegare le loro diverse proprietà'', spiega all'ANSA Macciò. Un'impresa non facile, quella di ricostruire l'intera vita di una galassia al computer perchè, spiega il ricercatore, ''è come se si dovesse scrivere la ricetta di una torta solo guardando una sua foto. Gli ingredienti di base li conosciamo, ma la giusta quantità e la sequenza con cui 'aggiungerli' e 'mescolarli' non è facile da trovare. Si va avanti per tentativi ed errori, scegliendo le leggi della fisica da applicare''.

Risolto un enigma: la formazione delle galassie ultra-diffuse
Nell'ambito della ricerca è stata fatta un'altra scoperta in modo del tutto casuale. Si è risolto cioè l'enigma della formazione delle galassie ultra-diffuse, scoperte nel 2016. Sono galassie con meno stelle, diffuse su un'area molto più vasta di quella osservata normalmente e ci si è sempre chiesto come si formino. Una ricercatrice italiana dell'università di Copenhagen, Arianna Di Cintio, ha chiesto al gruppo di Macciò se nel loro database di simulazioni avessero galassie ultra-diffuse. Così i ricercatori hanno scoperto di aver simulato 'casualmente' le condizioni di almeno 18 galassie di quel tipo. ''Abbiamo visto - conclude Macciò - che si formano come le galassie normali, ma contengono molto gas, e quando attraversano una fase di intensa formazione stellare, si arriva all'esplosione di diverse supernovae. Queste esplosioni spingono le stelle verso l'esterno''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA