Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Telescopi puntati sul 'fratello' della Terra

Telescopi puntati sul 'fratello' della Terra

Si osserva Proxima b per aprire la via alla futura flotta di vele solari

11 gennaio, 17:42
Sonde per Alpha Centauri si alleano con supertelescopio Vlt (fonte: Y. Beletsky, LCO/ESO) Sonde per Alpha Centauri si alleano con supertelescopio Vlt (fonte: Y. Beletsky, LCO/ESO)

Il progetto per inviare una flotta di vele solari a caccia di vita nel pianeta scoperto nel sistema stellare Alpha Centauri, trova l'alleanza con i telescopi dell'Osservatorio Meridionale Europeo (Eso), che si trovano in Cile.

Per preparare il viaggio delle vele solari previsto dal progetto Breakthrough Starshot, rende noto l'Eso, il Very Large Telescope (Vlt) verrà modificato in modo da fotografare i dettagli del pianeta 'gemello' della Terra scoperto recentemente attorno alla stella più vicina a noi, Proxima Centauri e che potrebbe ospitare forme di vita.

"Da poco tempo - ha spiegato Giancarlo Genta, del Politecnico di Torino e unico italiano membro del comitato scientifico di Breakthrough  Starshot - sappiamo con certezza che lì esiste un pianeta, e sembrerebbe avere caratteristiche simili alla Terra, ma niente di più. Prima di mandare una sonda servirebbe saperne di più".

Per questo è nato un'accordo tra Eso, l'osservatorio che ha scoperto l'esistenza di Proxima b, e Breakthrough Starshot, il progetto che prevede di inviare una flotta di mini-sonde capaci di viaggiare a velocità altissime per raggiungere Alpha Centauri in appena 20 anni.

Il progetto Breakthrough Starshot è nato dalle idee di alcuni dei più importanti ricercatori del mondo, tra i quali l'astrofisico Stephen Hawkings, è finanziato dal magnate russo Yuri Milner ed è previsto nel 2069, ma i ricercatori sono già al lavoro. Dopo l'annuncio della realizzazione di una Google Map dello spazio interstellare, grazie ai dati del telescopio spaziale Hubble, fondamentale per guidare il viaggio delle sonde, arriva adesso l'accordo con uno dei più potenti telescopi al mondo.

"Le sonde - ha spiegato Genta - non potranno essere telecontrollate, ma dovranno essere autonome, quindi maggiori informazioni potremo avere più facile potrà essere il loro lavoro". Per questo si è concordato di fare di miglioramenti allo strumento Visir installato su Vlt, il maxi telescopio di oltre 8 metri di diametro che si trova nel deserto di Atacama, e di trasferire i miglioramenti anche su E-Elt (European Extremely Large Telescope), il super telescopio da 40 metri dell'Eso, ancora in fase di costruzione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA