Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > La magia del Natale nelle luci di una 'culla di stelle'

La magia del Natale nelle luci di una 'culla di stelle'

E' la grande nebulosa 'Guerra e Pace', ripresa da più telescopi

22 dicembre, 14:22
La culla di stelle NGC 6357 (immagini ai raggi: X NASA/CXC/PSU/L. Townsley et al; immagini ottiche: UKIRT; immagini nell'infrarosso: NASA/JPL-Caltech) La culla di stelle NGC 6357 (immagini ai raggi: X NASA/CXC/PSU/L. Townsley et al; immagini ottiche: UKIRT; immagini nell'infrarosso: NASA/JPL-Caltech)

Si respira la magia del Natale, osservando i bagliori della 'culla di stelle' NGC 6357, la grande nebulosa 'Guerra e Pace' visibile al centro della Via Lattea, nella costellazione dello Scorpione, a 5.500 anni luce dalla Terra. Le sue luci sono talmente ammalianti da aver attirato gli obiettivi di diversi telescopi, spaziali e terrestri, che insieme hanno prodotto una spettacolare immagine pubblicata dalla Nasa.

Colori cosmici
Sono molto variegate le sfumature che la compongono come una tavolozza di colori: in porpora i dettagli catturati dal telescopio a raggi X Chandra della Nasa e dal vecchio satellite tedesco Rosat; in arancione i dati raccolti nell'infrarosso dal telescopio spaziale Spitzer della Nasa; in blu, infine, le immagini del Telescopio a Infrarossi Britannico (Ukirt).

Un ammasso di ammassi
Per via della sua struttura, NGC 6357 viene definita un 'ammasso di ammassi', perche' contiene almeno tre ammassi di giovani stelle, comprese alcune molto calde, massicce e luminose. Le immagini ai raggi X le mostrano come centinaia di sorgenti puntiformi, mescolate alle emissioni diffuse dei gas piu' caldi. Si possono osservare anche delle 'bolle', ovvero delle cavita' create dalla radiazione, e materiale spazzato via dalla superficie di stelle massive, oltre che esplosioni di supernovae.

Stelle irrequiete
Gli astronomi definiscono NGC 6357 e altri oggetti simili come 'regioni HII', ovvero regioni dove la radiazione emessa dalle giovani stelle calde strappa gli elettroni agli atomi di idrogeno contenuti nel gas circostante formando nubi di idrogeno ionizzato, chiamato tecnicamente HII.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA