Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Scoperto un oceano ghiacciato sotto il 'cuore' di Plutone

Scoperto un oceano ghiacciato sotto il 'cuore' di Plutone

Modella il pianeta nano e lo orienta

17 novembre, 12:30
Un oceano ghiacciato si troverebbe sotto la superficie di Plutone (fonte: NASA/JHUAPL/SWRI) Un oceano ghiacciato si troverebbe sotto la superficie di Plutone (fonte: NASA/JHUAPL/SWRI)

C'è un oceano ghiacciato sotto la superficie di Plutone e gli indizi si trovano nella Sputnik Planitia, l'enorme bacino vasto mille chilometri situato nella vasta spianata a forma di cuore osservata sulla superficie del pianeta. Lo indicano gli articoli pubblicati sulla rivista Nature dalle Università dell'Arizona, a Tucson, e dall'Università della California a Santa Cruz, entrambi basati sulle immagini del pianeta nano catturate dalla sonda New Horizons della Nasa.

L'oceano sarebbe responsabile di un riorientamento del pianeta nano
Sotto tutta la sua superficie, quindi, Plutone nasconderebbe un enorme oceano fatti di ghiaccio d'acqua e dalla consistenza viscosa. Entrambe le ricerche suggeriscono che la presenza dell'oceano abbia modellato la struttura del pianeta nano creando tensioni nella crosta e crepe sulla sua superficie. Non solo, secondo i ricercatori l'enorme massa di acqua ghiacciata è stata responsabile del riorientamento del pianeta e potrà esserlo di nuovo anche in futuro.

Il ruolo giocato dalle maree
La Sputnik Planitia si sarebbe infatti spostata nel tempo, in conseguenza alle variazioni nell'accumulo di ghiaccio nel suo bacino. Cambiamenti, questi, nei quali avrebbero giocato un ruolo anche le maree generate da Caronte, la più vicina delle lune del pianeta nano.

 

 Nell'animazione il riorientamento di Plutone. La Sputnik Planitia si sarebbe spostata nel tempo, in conseguenza alle variazioni nell'accumulo di ghiaccio nel suo bacino (fonte: James Tuttle Keane. Maps of Pluto and Charon by NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute)

Secondo il team di ricercatori guidato da James Keane dell'Università dell'Arizona, le forze delle maree avrebbero riorientato Plutone fino a portare la Sputnik Planitia dove si trova attualmente. La tesi dell'azione esercitata dalle forze delle maree sulla posizione della Sputnik Planitia è avvalorata anche dal team di ricercatori dell'Università della California a Santa Cruz, guidati da Francis Nimmo, con una precisazione: se questi sono stati i processi all'origine del riorientamento di Plutone, allora è molto probabile che il suo sottosuolo ospiti un oceano. D'altra parte "solo un oceano può fornire una massa tale" da provocare un simile spostamento e questa massa "deve essere nascosta da qualche parte sotto la superficie", ha osservato Nimmo. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA