Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > I pianeti neonati sono 'scultori' cosmici

I pianeti neonati sono 'scultori' cosmici

In 3 immagini i segreti della loro evoluzione

10 novembre, 19:10
Il disco planetario che circonda la stella HD135344B, a circa 450 anni luce dalla Terra (fonte: ESO, T. Stolker et al.) Il disco planetario che circonda la stella HD135344B, a circa 450 anni luce dalla Terra (fonte: ESO, T. Stolker et al.)

I pianeti neonati sono autentici scultori cosmici perchè riescono a modellare il disco di gas e polveri nel quale si stanno formando. A rivelare il loro segreto sono 3 immagini catturate con il Very Large Telescope (Vlt) dell'Osservatorio Europeo Meridionale (Eso).
Le immagini mostrano in diretta i baby-pianeti esterni al Sistema Solare mentre modellano le loro 'culle' e a descrivere il fenomeno sono tre articoli pubblicati sulla rivista Astronomy & Astrophysics. Alla ricerca ha partecipato anche l'Italia, con l'Istituto nazionale di astrofisica (Inaf).

Le immagini hanno catturato le forme che i pianeti scolpiscono nei dischi da cui nascono. E' un ambiente turbolento, nel quale le polveri entrano in collisione, si combinano e crescono progressivamente fino a dare origine ai pianeti. Questi ultimi, crescendo, possono dare ai loro dischi forme diverse, come anelli oppure spirali.

Ad esempio attorno alla stella RXJ1615, nella costellazione dello Scorpione, i ricercatori guidati da Jos de Boer, dell'Osservatorio di Leida, nei Paesi Bassi, hanno trovato un sistema complesso di anelli concentrici. L'intero sistema non ha piu' di 1,8 milioni di anni, cosa che lo rende eccezionale, perche' la maggior parte degli altri dischi finora trovati sono vecchi o evoluti. Il risultato di De Boer e' stato ripreso dai ricercatori guidati da Christian Ginski, dello stesso ossevatorio, che hanno osservato la giovane stella HD97048, nella costellazione del Camaleonte, individuando gli anelli concentrici anche nel disco ancora immaturo intorno a questa stella.

Il risultato e' una simmetria ''sorprendente, poiche' la maggior parte dei sistemi protoplanetari contiene bracci a spirale asimmetrici, vuoti e vortici''. Un esempio spettacolare di dischi asimmetrici e' stato ottenuto invece dagli astronomi guidati da Tomas Stolker, dell'Anton Pannekoek Institute for Astronomy dei Paesi Bassi, intorno alla stella HD135344B.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA