Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Il rover Curiosity ha scoperto un meteorite su Marte

Il rover Curiosity ha scoperto un meteorite su Marte

E’ liscio come un uovo, grande quanto una palla da golf

06 novembre, 19:25
Il meteorite trovato su Marte e fotografato dal rover Curiosity (fonte: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/IRAP/LPGNantes/CNRS/IAS/MSSS) Il meteorite trovato su Marte e fotografato dal rover Curiosity (fonte: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/IRAP/LPGNantes/CNRS/IAS/MSSS)

Ha una superficie liscia come quella di un uovo, le dimensioni di una pallina da golf ed è scuro, il meteorite ferroso scoperto su Marte dal rover Curiosity della Nasa. Il robot laboratorio lo ha individuato durante una ricognizione del 27 ottobre 2016 nella zona chiamata 'Murray Formation' e che si trova alla base del Monte Sharp, al centro del cratere Gale dove Curiosity è atterrato il 6 agosto 2012.

Il meteorite è stato chiamato Egg Rock e, secondo gli esperti, deriverebbe dal nucleo di un asteroide che si è fuso nell'impatto con l’atmosfera del pianeta rosso.Studiarlo può essere utile per comprendere come le condizioni ambientali di Marte possano aver esercitato una qualche influenza su questo piccolo sasso cosmico.
''Il suo aspetto scuro, liscio e brillante e la sua forma sferica hanno attirato subito la nostra attenzione, appena abbiamo ricevuto le immagini della fotocamera MastCam'' ha detto Pierre-Yves Meslin, del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (Cnrs) e dell'università di Tolosa.

Meteoriti di questo genere sono piuttosto comuni sulla Terra e su Marte ne sono stati individuati precedentemente altri esemplari. Tuttavia, la 'palla da golf' cosmica rappresenta al momento un unicum perché si tratta del primo meteorite studiato su Marte, con uno spettrometro laser. Egg Rock potrebbe essere precipitato sul pianeta rosso milioni di anni fa e quindi potrebbe avere parecchio da raccontare ai ricercatori, al momento impegnati ad analizzare i dati raccolti dallo strumento ChemCam, a bordo di Curiosity. Da un primo esame lo strumento ha già individuato ferro, nichel e fosforo, ma ora bisogna determinare le concentrazioni precise di questi elementi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA