Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Lanciato il cargo Cygnus con il razzo Antares

Lanciato il cargo Cygnus con il razzo Antares

In volo verso la Stazione spaziale con 2 tonnellate di rifornimenti

18 ottobre, 08:45
Il lancio del razzo Antares, a bordo la navetta Cygnus (fonte: NASA/Bill Ingalls) Il lancio del razzo Antares, a bordo la navetta Cygnus (fonte: NASA/Bill Ingalls)

Lanciato nella notte il razzo Antares a bordo del quale si trova la navetta cargo Cygnus, che porta rifornimenti e materiali scientifici alla Stazione spaziale internazionale (Iss). Dopo il primo tentativo di lancio programmato per il 16 ottobre e fallito all'ultimo minuto per un guasto al cavo di supporto a terra, la società Orbital Atk che gestisce le operazioni per conto della Nasa ha dato il via libera e alle 1:45 italiane il razzo è partito dalla base di Wallops Island, in Virginia.



E’ stato il primo lancio della nuova versione del razzo Antares e il primo che avviene dopo l’incidente dell’ottobre 2014, quando il razzo esplose a 15 secondi dalla partenza.

L’aggancio alla Stazione Spaziel è previsto domenica 23 ottobre intorno alle 12:00 italiane e saranno il giapponese akuya Onishi e l’americana Kate Rubins a manovrare il braccio robotico per afferrare la navetta e ancorarla. Costruito in Italia dalla Thales Alenia Space (Thales – Leonardo Finmeccanica) per la Orbital Atk, il cargo Cygnus trasporta oltre 2 tonnellate tra rifornimenti, pezzi di ricambio e materiali per i circa 250 esperimenti in corso sulla stazione orbitale. Fra questi la seconda serie di 'Saffire', sviluppato per testare la capacità dei materiali di bruciare in assenza di peso.

Con il nuovo lancio, il vettore Antares torna a volare a due anni distanza dall'incidente del 28 ottobre 2014, che lo vide esplodere e precipitare al suolo, con un danno alla società stimato in 15 milioni di dollari. L'episodio fu ricondotto ad un guasto alla turbo pompa ad ossigeno liquido del motore AJ26 collocato nel primo stadio del vettore, che saltò in aria una manciata di secondi dopo il decollo. In seguito, l'Orbital Atk decretò il pensionamento di quella tecnologia e la sostituzione con il più sicuro e RD-181.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA