Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > L'eclissi ha dato spettacolo sul Pacifico

L'eclissi ha dato spettacolo sul Pacifico

Le prime immagini

09 marzo, 12:48
L'eclissi totale di Sole del  marzo 2016 vista dal Borneo (fonte: Sandi Kurniawan) L'eclissi totale di Sole del marzo 2016 vista dal Borneo (fonte: Sandi Kurniawan)
Correlati

L’eclissi totale di Sole ha mantenuto le promesse, offrendo uno spettacolo unico. E’ stata visibile soltanto sul Pacifico e le prime immagini sono straordinarie. In Indonesia e sulla zona centrale del Pacifico il disco del Sole è stato gradualmente oscurato poco dopo il suo sorgere dalla prima superluna del 2016, e gradualmente è stata raggiunta la totalità, durata oltre quattro minuti. L’eclissi è stata invece parziale sull’Indonesia fino a gran parte dell’Asia sud-orientale e dell’Australia. Su gran parte dell’India e sul Nepal il Sole è sorto già parzialmente eclissato.

L'evento ha richiamato anche l'attenzione degli astronomi, per i quali è l'occasione per studiare la corona solare, ossia la parte più interna dell'esuberante atmosfera della nostra stella.



Per alcuni ricercatori l'eclissi è stata l'occasione per condurre esperimenti altrimenti impossibili. E' il caso di Nelson Reginald, del Centro Goddard della Nasa, che ha voluto sfruttare l'osservazione della corona solare per studiare fenomeni ancora misteriosi, come i meccanismi che accelerano il vento solare, ossia il flusso di particelle scagliate nello spazio, e l'origine delle 'nubi' esplosive di materia chiamate espulsioni di massa coronali. .



Numerosi anche gli astrofili che hanno voluto godersi lo spettacolo in diretta. “Si è potuto assistere a un’eclisse semplicemente meravigliosa con i tre momenti che la caratterizzano: l’anello di diamante prima della totalità, ossia l’ultimo raggio di Sole prima dell’oscurità totale, la fase della totalità, ossia il buio completo, e l’anello di diamante dopo la totalità, il primo raggio di sole che appare immediatamente dopo la totalità”, racconta dal Borneo Marzio Lauto, vicepresidente dell’associazione Stella Errante, che ha organizzato il viaggio con l’Osservatorio Polifunzionale del Chianti, l’Osservatorio Astronomico di Acquaviva delle Fonti e la società Telescopi Italiani. Il cielo poco nuvoloso, ha aggiunto, ha reso lo spettacolo ancora più suggestivo.

Per l'appuntamento con la prossima eclissi totale di Sole si dovrà aspettare oltre un anno, fino al 21 agosto 2017.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA