Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > L'eclissi più lunga di sempre, 3,5 anni al buio

L'eclissi più lunga di sempre, 3,5 anni al buio

Avviene ogni 69 anni, a 10.000 anni luce dalla Terra

23 febbraio, 17:34
Rappresentazione artistica della coppia di stelle responsabile della più lunga eclissi mai osservata (fonte: Jeremy Teaford / Vanderbilt University) Rappresentazione artistica della coppia di stelle responsabile della più lunga eclissi mai osservata (fonte: Jeremy Teaford / Vanderbilt University)

Ogni 69 anni il sole scompare quasi completamente per ben 3,5 anni: e' l'eclissi più lunga mai osservata, e avviene in una coppia di stelle che si trovano a quasi 10mila anni luce dalla Terra, contrassegnate solo dalla sigla TYC 2505-672-1. Scoperto da un gruppo internazionale di astronomi guidati da Joseph Rodriguez, della Vanderbilt university di Nashville, questo sistema binario ha il record dell'eclissi più lunga e con maggior intervello temporale.

Come indica lo studio pubblicato sulla rivista Arxiv e segnalato anche dall'Agenzia spaziale italiana (Asi) e dall'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), il primato finora apparteneva alla stella gigante Epsilon Aurigae, che veniva eclissata ogni 27 anni, per un periodo compreso fra 640 e 730 giorni.
Combinando i dati storici che coprono oltre 120 anni, con quelli di altre ricerche in corso, gli astronomi sono riusciti a dimostrare che il sistema TYC 2505-672-1 è costituito da una coppia di stelle giganti, dove una è stata ridotta ad un nucleo molto piccolo, circondato da un altro molto grande, con materiale prodotto dalla stessa eclissi.

Spesso in astronomia alcuni dei fenomeni più interessanti accadono in una scala temporale che non coincide con i tempi di osservazione. In questo caso i ricercatori sono riusciti a studiare l'evoluzione di un evento che dura diversi decenni e puo' fornire dettagli importanti sull'ambiente stellare. Al momento pero' neanche i telescopi più potenti riescono a vedere indipendentemente i due oggetti, e bisognera' attendere ulteriori avanzamenti tecnologici per poter osservare il sistema nella prossima eclisse, prevista per il 2080.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA