Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Halloween con l'asteroide

Halloween con l'asteroide

La 'zucca spaziale' in diretta su ANSA Scienza e Tecnica

30 ottobre, 23:02
L'osservatorio di Tenerife, che per primo ha confermato l'arrivo dell'asteroide (fonte: StarryEarth via Flickr) L'osservatorio di Tenerife, che per primo ha confermato l'arrivo dell'asteroide (fonte: StarryEarth via Flickr)

Conto alla rovescia per l'arrivo della grande 'zucca spaziale', l'asteroide di Halloween che alle 18,00 del 31 ottobre ci regalerà un brivido degno della notte più paurosa dell'anno, 'sfiorando' la Terra dalla distanza di circa 500.000 chilometri, ravvicinata ma sicura.

Foto ESA Grande quanto un campo di calcio, l'asteroide 2015 TB145 non rappresenta una minaccia per il nostro Pianeta, ma una grande occasione per gli appassionati del cielo. Il momento di migliore visibilità dall'Italia si avrà questa sera, dopo la mezzanotte, ma l'osservazione potrà essere guastata dalla luminosità della Luna e, in alcune regioni, anche dal meteo. Per non perdere lo spettacolo, è possibile seguire il suo arrivo sul Canale Scienza e Tecnica dell'ANSA grazie alla diretta streaming con il Virtual Telescope a partire dalle ore 01,00 del 31 ottobre.

Per chi volesse provare a cercarlo nel cielo, l'asteroide di Halloween sarà ''abbastanza alto tra le stelle della costellazione di Orione'', a Sud-Ovest, spiega l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. ''Per smarcarsi dalla luna - aggiunge - saranno necessari telescopi con un diametro di almeno 300 millimetri''. Non sarà un'impresa facile, ma vale la pena tentare: ''il passaggio così ravvicinato di un oggetto di queste dimensioni non è un evento comune: per il prossimo dovremo attendere fino al 2027'', ricorda Masi.

''Il fatto che un asteroide così grande sia stato scoperto solo pochi giorni fa ci ricorda che dobbiamo lavorare ancora molto per riuscire a osservare tutto il cielo ogni notte ed evitare brutte sorprese: se fosse stato un oggetto a rischio di collisione, avremmo avuto poco tempo per prepararci'', sottolinea Ettore Perozzi, responsabile delle operazioni presso il Centro coordinamento sui Neo (Near Earth Objects) dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa).

''Un aiuto potrà arrivare in futuro dal nuovo telescopio Fly-Eye dell'Esa: il primo prototipo sarà pronto per il 2017 e con la sua struttura modulare, simile all'occhio di una mosca, potrà individuare detriti e oggetti pericolosi in avvicinamento''.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA