Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > A San Valentino Rosetta ‘bacia’ la sua cometa

A San Valentino Rosetta ‘bacia’ la sua cometa

Mai così vicina, a soli 6 chilometri

14 febbraio, 14:21
Per San Valentino la sonda Rosetta si avvicina alla sua cometa (fonte: ESA, image by AOES Medialab) Per San Valentino la sonda Rosetta si avvicina alla sua cometa (fonte: ESA, image by AOES Medialab)

Un ‘bacio’ di San Vantino tra la sonda Rosetta e la sua cometa. Puntualmente alle 13,41 la sonda dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) si è avvicinata a soli 6 chilometri dalla 67P/ Churyumov-Gerasimenko. Finora non era mai stata tanto vicina alla sua cometa, sulla cui superficie dorme il lander Philae in attesa che la luce del Sole arrivi a risvegliarlo.



Rosetta è rimasta appena pochi minuti così vicina alla cometa: il tempo di ‘annusarla’ un po’ per carpirne qualche segreto, primo fra tutti la formazione della spettacolare chioma. Come da programma, nelle due ore precedenti l’incontro e nelle due successive gli strumenti di Rosetta hanno raccolto dati e immagini senza precedenti della superficie della cometa. Oltre ai dati preziosi, che permetteranno di conoscere meglio un fossile del Sistema Solare, la speranza è che arrivi anche qualche inizio utile per individuare il ‘nascondiglio’ in cui Philae è finito dopo la storica discesa del 12 novembre 2014.

Realizzato da un consorzio al quale partecipa anche l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), il lander Philae è stato il primo veicolo a posarsi sul suolo di una cometa, atterrando però in un luogo diverso da quello previsto e in una zona poco illuminata.
Da allora è in ibernazione, in attesa che i suoi pannelli solari possano avere una quantità di luce sufficiente quando la cometa sarà più vicina al Sole.

Sapere dove si trova il lander sarebbe importantissimo, rileva il coordinatore scientifico dell'Asi, Enrico Flamini. Permetterebbe infatti di capire meglio quando il lander potrà avere luce sufficiente per ricaricare le batterie e risvegliarsi (al momento si prevede fra fine marzo metà aprile) sia per allineare bene Rosetta al lander dopo il risveglio e mettere in funzione strumenti come il radar Consert a bordo di entrambi i veicoli spaziali. Il radar sarà cruciale per scoprire il segreto che la cometa custodisce nel suo nucleo: se vi è un punto di saldatura a provare che è nata dall'unione di due oggetti diversi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA