Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > La colonna sonora della missione Futura

La colonna sonora della missione Futura

Ecco le #CountDownSongs che accompagnano la prima astronauta italiana

23 novembre, 10:56
La Soyuz è pronta sulla rampa di lancio nella base russa di Baikonur (fonte: Samantha Cristoforetti, ESA) La Soyuz è pronta sulla rampa di lancio nella base russa di Baikonur (fonte: Samantha Cristoforetti, ESA)

Da Guccini ai Pink Ployd, passando per i Queen fino a Lucio Dalla, con la canzone intitolata come la sua missione, 'Futura': così la prima astronauta italiana, Samantha Cristoforetti, sta scandendo via Twitter la colonna sonora che la accompagna al lancio, previsto alle 22,01 italiane di domenica 23 dicembre.

Le chiama #CountDownSongs e ogni brano di questa Playlist 'stellare' parla di spazio, stelle, voglia di esplorare e di spingersi lontano. Alla vigilia del lancio niente di meglio dei Queen, con a Kind of Magic. ''E' una sorta di magia, un sogno, un'anima, un risultato un accenno dorato di ciò che dovrebbe essere'', è il brano che l'astronauta ha citato su Twitter.

Lo ha preceduto nella classifica ''Learning to fly'' dei Pink Floyd: ''nessuna sensazione è confrontabile con questa animazione sospesa, uno stato di beatitudine'', è il messaggio che ha deciso di estrapolare Samantha Cristoforetti.

E ancora "Magic Carpet Ride", di John Kay e Rushton Moreve, che riesce a rendere le sensazioni dell'astronauta con le parole: ''Su una nuvola di suono vado alla deriva nella notte. Ogni luogo nel quale andare è quello giusto''. A scandire gli ultimi giorni prima della partenza c'è anche 'Chasing the Sun', Inseguendo il Sole, di Hilary Duff: è un altro dei brani ai quali Samantha Cristoforetti ha affidato le sue emozioni prima del lancio. Non poteva mancare ''Extraterrestre'' di Eugenio Finardi, accanto a Odysseus di Francesco Guccini (''dandomi ancora la gioia infinita di entrare in porti sconosciuti prima") e ''Salirò'', di Daniele Silvestri.

A parlare della voglia di volare e sfrecciare fra le stelle è anche ''Supersonic Rocket Ship'' dei Kinks: ''lasciate che vi porti in un piccolo viaggio ...'', scrive l'astronauta, con la promessa di comunicare a tutti le sue emozioni dallo spazio magari anche in un tweet.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA