Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Galileo, si nomina un Comitato d'inchiesta

Galileo, si nomina un Comitato d'inchiesta

I satelliti sono fuori orbita ma non c'è pericolo di caduta

25 agosto, 10:15
Rappresentazione artistica del rilascio in orbita del satellite Galileo dallo stadio Fregat (fonte: ESA -. P. Carril, 2011) Rappresentazione artistica del rilascio in orbita del satellite Galileo dallo stadio Fregat (fonte: ESA -. P. Carril, 2011)

Viene individuato oggi il Comitato d'inchiesta che dovrà far luce sulle cause dell'anomalia per la quale i primi due satelliti operativi del sistema di navigazione Galileo si trovano su un'orbita diversa da quella prevista.

Il 22 agosto, dopo un lancio perfetto avvenuto dalla base europea di Kourou (Guyana Francese), lo stadio superiore della Soyuz, il Fregat, ha avuto un problema che lo ha portato a rilasciare i due satelliti su un'orbita ellittica dal semiasse maggiore di 26,200 chilometri, anzichè su un'orbita circolare dal semiasse di 29,900 chilometri, come ci si attendeva. Questo è quanto è emerso dalla prima ricostruzione dei tecnici della società che gestisce i lanciatori europei, Arianespace.

La stessa società, che si è scusata con le due organizzazioni responsabili del programma: l'Agenzia Spaziale Europea (Esa) e l'Unione Europea, rileva che sia il Fregat sia i due satelliti ''sono in condizioni stabili e in una posizione che esclude qualsiasi rischio per le persone a Terra''.

Arianespace ha garantito inoltre il pieno sostegno per evitare che i tempi si allunghino. Il primo passo da fare è quindi individuare il problema e per questo oggi la stessa Arianespace, l'Esa e la Commissione Europea designano un Comitato d'inchiesta. Oltre a determinare le cause precise dell'anomalia, il Comitato dovrà individuare le ''misure correttive che permettano di riprendere i lanci delle Soyuz dalla base di Kourou in completa sicurezza e nel più breve tempo possibile''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA