Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Ricerca e Istituzioni > Grande successo per 'Balle di scienza'

Grande successo per 'Balle di scienza'

Chiude a Pisa la mostra dell'Infn, con 40mila visitatori

07 luglio, 12:32
Oltre 40.000 visitatori a 'Balle di Scienza. Storie di errori prima e dopo Galileo' Oltre 40.000 visitatori a 'Balle di Scienza. Storie di errori prima e dopo Galileo'

Abbagli, bufale ed errori che hanno popolato la scienza seducono il grande pubblico: a dimostrarlo sono gli oltre 40.000 visitatori di 'Balle di Scienza. Storie di errori prima e dopo Galileo', una mostra realizzata dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Università di Pisa e Scuola Normale Superiore in occasione del 450esimo anniversario della nascita del grande scienziato pisano.

 

Il percorso multimediale della mostra, ospitata al Palazzo Blu di Pisa dal 22 marzo al 29 giugno, ha raccontato al pubblico le storie di errori, imprevisti o scoperte apparentemente casuali, facendo immedesimare i visitatori nell'imprevedibile percorso della ricerca. Cantonate vere o fortunate coincidenze che hanno scritto la storia: dalle affascinanti storie del flogisto e dell’etere, misteriosi elementi rivelatisi poi inesistenti, le fortunate casualità che portarono Fleming a isolare la penicillina o Becquerel a scoprire la radioattività, fino ai più recenti neutrini più veloci della luce.

 

La mostra ha anche offerto lo spunto per riflettere sul rapporto – talvolta conflittuale, talvolta idilliaco – tra scienza e media, un incontro che ha portato a volte alla nascita di veri e propri inganni e falsi miti. “Il successo di ‘Balle di Scienza’ – ha commentato Fernando Ferroni, presidente dell'Infn – è per noi un traguardo di comunicazione importante lungo un percorso, intrapreso già da diversi anni. L’intenzione è di raccontare il significato, ma anche le emozioni e le passioni della scienza, con linguaggi adeguati e al passo con la nostra epoca e il successo straordinario della mostra ci rafforza in questa convinzione”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA