Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Forse una cometa all'origine di Tunguska

Forse una cometa all'origine di Tunguska

Scoperti tre frammenti 'caduti dal cielo'

03 maggio, 17:16
I frammenti che potrebbero essere appartenuti all'oggetto esploso nei cieli siberiani il 30 giugno 1908, causando l’evento di Tunguska (Fonte: Andrei Zlobin/ arXiv.org)  I frammenti che potrebbero essere appartenuti all'oggetto esploso nei cieli siberiani il 30 giugno 1908, causando l’evento di Tunguska (Fonte: Andrei Zlobin/ arXiv.org)

Forse è stata una cometa, simile a quella di Halley a causare l'evento di Tunguska, in Siberia, quando il 30 giugno del 1908 una misteriosa esplosione, avvenuta nell'atmosfera, ha abbattuto gli alberi in un'area di foresta grande quasi quanto Tokyo.

A oltre un secolo dall'evento forse sono stati individuati i primi meteoriti dell'oggetto esploso in atmosfera, da un ricercatore russo, Andrei Zlobin, del Museo Geologico Vernadskij dell'Accademia di Scienze Russa, che li descrive in anteprima sul sito arXiv.org.

Con pochi testimoni che hanno visto l'esplosione, senza frammenti, ne' eventuali crateri da impatto, è stato finora difficile comprendere cosa realmente abbia causato il cosiddetto evento di Tunguska. La teoria più accreditata è che un oggetto, forse un asteroide o una cometa, sia esploso appena entrato nell'atmosfera terrestre.

Ora Zlobin descrive tre frammenti selezionati fra circa 100 pietre che potrebbero essere potenziali meteoriti, raccolte durante una spedizione nel 1988 nell'area dell'esplosione, nel fiume Khushmo, durante un momento di secca. I resti dell'oggetto esploso, secondo il ricercatore, potrebbero essere i tre frammenti, chiamati 'corona dentale', 'balena' e 'barca', per le loro forme. Sono molto piccoli, basti pensare che il più grande, 'balena', pesa solo 10,4 grammi e misura in diagonale circa 29 millimetri e hanno alcune caratteristiche tipiche dei meteoriti: i segni di fusione e alcune dentellature superficiali che a volte si generano quando un oggetto roccioso, proveniente dallo spazio, prende fuoco nell'atmosfera terrestre.

Secondo i calcoli di Zlobin, l’esplosione di Tunguska non avrebbe generato abbastanza calore a terra per fondere le rocce sul suolo, egli ritiene che questi frammenti sono stati ‘cotti’ all'interno della palla di fuoco di Tunguska che si è formata nell’atmosfera. Per il ricercatore l’oggetto che ha impattato l’atmosfera terrestre il 30 giugno del 1908 potrebbe essere stata una cometa con una densità simile a quella della cometa di Halley.

I tre oggetti, scrive Zlobin, potrebbero provenire dal corpo roccioso intrappolato nel nucleo di una cometa ghiacciata che si è frammentato entrando in contatto con l'atmosfera terrestre, quando è stato esposto a sollecitazioni di calore estremo. I risultati devono ancora essere confermati da analisi chimica e molte sono ancora le domande senza risposta, sul perché per esempio Zlobin ha aspettato tanto a pubblicare il suo lavoro.
In ogni caso, quando la loro orgine sarà confermata, i frammenti potrebbero finalmente aiutare i ricercatori ad immaginare l'oggetto che si trova dietro la storica esplosione di Tunguska.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA