Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Occhi europei seguiranno l'arrivo di Curiosity su Marte

Occhi europei seguiranno l'arrivo di Curiosity su Marte

Il satellite dell'Esa Mars Express seguirà la manovra il mattino del 6 luglio

26 luglio, 18:18
Rappresentazione artistica del rover-laboratorio Curiosity (fonte: NASA) Rappresentazione artistica del rover-laboratorio Curiosity (fonte: NASA)
Correlati

I 'sette minuti di terrore' dell'arrivo su Marte del robot-laboratorio della Nasa Curiosity, come li hanno definiti i tecnici dell'agenzia spaziale americana, saranno seguiti anche da un 'occhio' europeo. Gli strumenti della sonda Mars Explorer dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) monitoreranno lo spettacolare atterraggio, previsto alle 7,31 del 6 agosto (ora italiana), quando il laboratorio marziano della Nasa in soli sette minuti rallenterà dalla velocità di 21.000 chilometri orari fino a frenare e posarsi 'delicatamente' sul suolo del pianeta rosso.

Il più grande laboratorio 'intelligente' mai inviato su Marte, si poserà sulla superficie del cratere Gale. Accanto al satellite europeo, seguiranno la manovra i due satelliti in orbita marziana dell'agenzia spaziale statunitense, il Mars Odyssey e il Mars Reconnaissance Orbiter (Mro). Perché il Mars Express possa seguire l'atterraggio di Curiosity "abbiamo iniziato a ottimizzarne l'orbita diversi mesi fa in modo tale da metterlo nella giusta 'fase' e avere una buona visibilità della sonda Nasa durante la traiettoria programmata", ha spiegato Michel Denis, il responsabile delle operazioni di Mars Express.

Oltre ai dati rilevati da Mars Express, l'Esa metterà a disposizione dei colleghi statunitensi le proprie reti di trasmissione dati. "La Nasa ha supportato l'arrivo su Marte di Mars Express nel 2003 e negli anni passati, abbiamo ritrasmesso i dati dei rover della Nasa Spirit e Oppurtunity", ha spiegato Manfred Warhaut, responsabile delle operazioni di missione Esa, che ha aggiunto come sia abitudine condividere le reti di trasmissione sui dati provenienti dallo spazio profondo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA