Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > Lanciata la prima Soyuz del 'dopo Shuttle'

Lanciata la prima Soyuz del 'dopo Shuttle'

Adesso la Russia ha il monopolio dei viaggi alla Stazione Spaziale

14 novembre, 22:11
Il lancio della Souyz, sotto la neve (fonte: NASA TV) Il lancio della Souyz, sotto la neve (fonte: NASA TV)
Correlati

E’ stata la neve a salutare la prima missione diretta alla Stazione Spaziale Internazionale nell’era del dopo-Shuttle. Nel luglio scorso la navetta spaziale americana e’ uscita di scena, lasciando alla Russia il monopolio dei viaggi umani alla stazione orbitale almeno per i prossimi 4 o 5 anni. Con il lancio della Soyuz TMA-22, avvenuto oggi dalla base russa di Baikonur, nel Kazakhstan, si e’ aperta ufficialmente questa nuova pagina delle missioni spaziali.
Questa mattina all’alba, in una Baikonur completamente imbiancata da una nevicata abbondante, il comandante della navetta, il russo Anton Shkaplerov, l’ingegnere di bordo Anatoly Ivanishin, anche lui russo, e l’astronauta della Nasa Daniel Burbank. sono saliti sorridenti sul pulmino diretto alla rampa di lancio. Agitando le braccia, hanno salutato con allegria i tanti che, sfidando il freddo, erano andati a salutarli.
La Soyuz e’ partita puntualmente, come una palla di fuoco perche’ la scia, questa volta, era infatti impossibile da vedere, confusa con il cielo bianco di nene . A salutare la navetta c’era anche un pubblico speciale, composto da 50 giovani di 14 Paesi, fra i quali quattro ragazze italiane di Brunico e Trento, Sono i vincitori del concorso ‘’Lo Spazio e il futuro dell’umanita’’’, organizzato dall’associazione internazionale‘’Youth Time’’ e, per la parte italiana, Centro di cultura russa “Borodina” di Merano, La possibilita’ di assistere direttamente ad un lancio e’ il loro premio, insieme alla possbilita’ di visitare i luoghi nei quali Yuri Gagarin ha vissuto e lavorato, in occasione dei 50 anni del primo volo umano nello spazio.
L’emozione era moltissima, ma non solo per i giovani. Per lo spazio russo questa missione aveva infatti il sapore di una scommessa, dopo i recenti fallimenti registrati dalla Russia, con la navetta Progress nell’agosto scorso e nei giorni scorsi con la missione Phobos Grunt, che avrebbe portato una sonda in orbita attorno alla luna di Marte Phobos.
L’aggancio alla Stazione Spaziale e’ previsto per mercoledi’, alle 18,33 italiane.
Il volo dei tre tomini era previsto inizialmente per il 22 settembre scorso, ma era stato rinviato in seguito al fallimento del lancio della Progress, avvenuto il 24 agosto. Ad alimentare la tensione in vista del lancio di oggi e’ il fatto che il terzo stadio della Progress, all’origine della mancata immissione in orbita della navetta, e’ identico a quello utilizzato nelle misioni con uomini a bordo.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati