Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Spazio & Astronomia > La mappa a colori della più grande luna di Saturno

La mappa a colori della più grande luna di Saturno

La superficie di Titano ricostruita grazie alla missione Cassini

07 ottobre, 18:25
La ricostruzione della superficie di Titano sulla base delle immagini della sonda Cassini (fonte: JPL/NASA/Univ. of Arizona/CNRS/LPGNantes) La ricostruzione della superficie di Titano sulla base delle immagini della sonda Cassini (fonte: JPL/NASA/Univ. of Arizona/CNRS/LPGNantes)

E' stata ottenuta la mappa a colori della superficie di Titano, il piu' grande satellite di Saturno, grazie alle immagini raccolte in sei anni dalla missione Cassini. Questo particolare mosaico e' stato ricostruito da un gruppo internazionale di astronomi coordinato dall'universita' francese di Nantes.

La mappa si basa sulle immagini a infrarossi raccolte dallo spettrometro Vims (Visual and Infrared Mapping Spectrometer) della sonda Cassini nel corso dei primi settanta passaggi ravvicinati di Titano. Ogni immagine e' stata corretta e filtrata in modo da ridurre le differenze dovute alle condizioni di luminosita' e alle distorsioni causate dall'atmosfera spessa e opaca, fatta principalmente di azoto.

Titano è infatti ricoperto da nuvole di metano ed etano e sono sempre più numerosi i dati che fanno pensare anche alla presenza di piogge di metano. Nata dalla collaborazione fra Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

La sonda Cassini ha eseguito 78 passaggi ravvicinati di Titano fino al luglio 2004, quando è entrata nell'orbita di Saturno, e altri 48 sono previsti entro il 2017. Fino ad oggi, quindi, lo spettrometro Vims ha avuto poche occasioni per studiare Titano con una maggiore risoluzione spaziale. Ciò significa che la mappa a colori mostra più dettagli di alcune regioni rispetto ad altre. Gli stessi ricercatori specificano che le immagini a bassa risoluzione sono state usate come sfondo, mentre sopra vi sono state sovrapposte quelle ad alta definizione, che mostrano dettagli fino a 500 metri per pixel.Nel futuro, questa attivita' di mappatura permetterà anche di osservare come la superficie di Titano e la sua atmosfera cambiano con il passare delle stagioni

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati