Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Libri > Pianeta acustico. Viaggio fra le meraviglie sonore del mondo

Pianeta acustico. Viaggio fra le meraviglie sonore del mondo

A caccia dei suoni più curiosi

11 agosto, 14:58
Trevor Cox, 'Pianeta acustico. Viaggio fra le meraviglie sonore del mondo' (Edizioni Dedalo, 326 pagine, 17 euro) Trevor Cox, 'Pianeta acustico. Viaggio fra le meraviglie sonore del mondo' (Edizioni Dedalo, 326 pagine, 17 euro)

Il canto delle dune di sabbia, lo scioglimento dei ghiacci del lago Baikal, fino alle solfatare islandesi e il canto degli uccelli lira: il nostro pianeta cela un universo di suoni e meraviglie sonore spesso sconosciute. Nel “Pianeta acustico. Viaggio fra le meraviglie sonore del mondo” (Edizioni Dedalo, 326 pagine, 17 euro) Trevor Cox ci accompagna in viaggio a cavallo tra fisica, arte, neuroscienze e archeologia alla scoperta del mondo dei suoni.

“Fu durante le ore trascorse ad ascoltare la fogna che ebbi un'epifania acustica”: inizia con la discesa in un tombino londinese l'affascinante viaggio di Cox, esperto di acustica, 'correttore' di suoni per alcune delle più famose sala da concerto del mondo. Si tratta di un libro ricco di curiosità e aneddoti ma anche una brillante lezione per capire come si propaga un'onda e perché ogni luogo ha la sua acustica. “Da bravo scienziato, mi piace esaminare ogni fenomeno in dettaglio”, spiega l'autore nell'introduzione.

“Molti anni fa – prosegue – andai in Islanda, dove rimasi affascinato dalle solfatare. Oggi, però, la domanda che mi pongo è questa: che cos'è che provoca il tipico suono sordo delle bolle di fango che scoppiano?”. Spinto dalla curiosità e dall'amore verso il lavoro, Cox raccoglie in giro per il mondo i più curiosi fenomeni naturali, come le dune che cantano o il canto delle foce artiche, quelli artificiali, come la stanza più riverberante al mondo o le cinguettanti piramidi Maya. Si tratta di un invito alla riscoperta del mondo nascosto dei suoni, ad aprire le nostre orecchie, ma soprattutto la mente, al 'rumoroso' mondo che ci circonda.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA