Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Libri > Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale

Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale

Un viaggio alla scoperta delle sorprendenti capacità delle piante

11 giugno, 14:07
Copertina del libro 'Verde brillante Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale' (Giunti editore, 144 pagine, 14,00 euro) Copertina del libro 'Verde brillante Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale' (Giunti editore, 144 pagine, 14,00 euro)

Sono capaci di vedere, ascoltare, scegliere e ricordare. Dormono, riconoscono i 'parenti', comunicano fra loro e ciascuna ha il suo carattere: le piante non sono solo intelligenti, ma addirittura brillanti. A dirlo è la ricerca scientifica, come affermano Stefano Mancuso e Alessandra Viola in 'Verde brillante. Sensibilità e intelligenza del mondo vegetale' (Giunti editore, 144 pagine, 14,00 euro). Un libro davvero sorprendente e frizzante, che costringe a guardare con occhi diversi perfino il geranio in terrazzo.

Risale ai tempi di Aristotele l'erronea convinzione che le piante siano esseri immobili e insensibili. Non a caso ancora oggi si usa l'espressione 'essere un vegetale' per indicare persone particolarmente pigre e indolenti, oltre che per riferirsi a gravi condizioni come quella del coma.
In realtà già nel Settecento l'esploratore e naturalista Carlo Linneo aveva iniziato a fare breccia in questo muro di pregiudizi, parlando per primo della capacità dei vegetali di 'dormire'. E anche Charles Darwin poco più tardi aveva ribaltato l'idea delle piante come esseri inferiori agli animali parlando di piante carnivore. Ma è la ricerca scientifica più recente ad aver portato una nuova visione del mondo vegetale, dimostrando che le piante hanno capacità sorprendenti: per esempio hanno un profilo sociale, cinque sensi come noi umani (e un'altra quindicina extra) e milioni di apici radicali che lavorano in rete come computer connessi a Internet.
Quanto basta per rendere necessario un vero dibattito sul rispetto della loro dignità e dei loro diritti, una discussione che gli autori ritengono ''non ulteriormente rimandabile''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA