Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Fisica & Matematica > Champagne, il segreto dell'aroma è nelle bollicine

Champagne, il segreto dell'aroma è nelle bollicine

Ricostruito il loro viaggio, dalla fermentazione al bicchiere

23 dicembre, 18:44
La fisica rivela i segreti delle bollicine di champagne (fonte: J. Sibiga Photography, Flickr) La fisica rivela i segreti delle bollicine di champagne (fonte: J. Sibiga Photography, Flickr)

L'inebriante aroma dello champagne è tutto merito della qualità delle sue bollicine: lo dimostrano tre studi condotti da un gruppo di fisici del Centro nazionale per la ricerca scientifica francese (Cnrs) a Reims, che ricostruiscono minuziosamente il viaggio delle 'perle' gassose dalla loro nascita, durante la fermentazione dell'uva, fino all'esplosione nel bicchiere. I risultati saranno pubblicati a gennaio su European Physical Journal Special Topics (Epj St).

Le bollicine condizionano il gusto e l'aroma
Le ricerche mettono a fuoco diversi fattori che condizionano il gusto e l'aroma dello champagne: la loro percezione, infatti, non dipende soltanto dalla temperatura a cui viene servito e dalla forma del bicchiere, ma anche dal numero di bollicine e dal loro contenuto in termini di anidride carbonica e di composti organici volatili (ovvero le molecole responsabili del profumo).

Un modello fisico per le bollicine
La vita di ciascuna bolla di gas è stata ricostruita in dettaglio grazie ad un nuovo modello fisico: nasce con la fermentazione dell'uva, che genera anidride carbonica, prosegue nella bottiglia tappata, dove le molecole di gas rimangono in una situazione di equilibrio, e poi si conclude nella formazione e nella risalita delle bolle nella flute. Anche il loro collasso e l'esplosione trovano una spiegazione scientifica grazie ai più recenti studi condotti dal gruppo di Thomas Seon all'Università Pierre e Marie Curie di Parigi. I risultati dimostrano che la bollicina esplode una volta raggiunta l'interfaccia tra lo champagne e l'aria, proiettando una miriade di finissime goccioline che formano un aerosol ricco di molecole odorose.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA