Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Fisica & Matematica > Prodotte nuove onde sonore, dopo mezzo secolo

Prodotte nuove onde sonore, dopo mezzo secolo

Per manipolare le cellule staminali senza danneggiarle

10 gennaio, 20:18
Dopo mezzo secolo ottenuta una nuova classe di onde sonore (fonte: Luis Lima89989) Dopo mezzo secolo ottenuta una nuova classe di onde sonore (fonte: Luis Lima89989)

Per la prima volta dopo più di mezzo secolo è stata ottenuta una nuova classe di onde sonore, così delicate da poter essere usate come strumento per manipolare strutture biologiche microscopiche, come le cellule staminali, senza danneggiarle. Il risultato è pubblicato sulla rivista Advanced Materials dagli esperti di acustica del Royal Melbourne Institute of Technology, in Australia.

I ricercatori intendono usare le vibrazioni generate dalle nuove onde sonore per nebulizzare le cellule staminali e veicolarle direttamente nei polmoni, così da riparare e rigenerare i tessuti malati in maniera mirata.

In laboratorio hanno già provato ad usare le onde sonore 'gentili' per nebulizzare farmaci e vaccini da somministrare per via inalatoria, ottenendo risultati molto promettenti. "Siamo riusciti a ridurre il tempo necessario all'inalazione dei vaccini, passando da 30 minuti a soli 30 secondi", racconta il coordinatore dello studio, Amgad Rezk.

"Ma il nostro lavoro - aggiunge Rezk - apre anche nuove possibilita' per usare le staminali in maniera piu' efficiente nel trattamento di malattie respiratorie, permettendo di nebulizzare le cellule per farle arrivare nel sito specifico dei polmoni dove bisogna riparare il tessuto malato. Questo potrà essere una svolta per la terapia con le staminali".

Le nuove onde sonore sono state ottenute combinando due tipi di onde già note: le cosiddette 'onde di massa', che generano vibrazioni come un tappeto che viene sbattuto ad una estremità, e le 'onde di superficie', che invece si muovono rotolando come le onde del mare.

"La combinazione di onde di massa e di superficie produce onde ancora piu' potenti", spiega il ricercatore James Tan. "Come risultato - aggiunge - possiamo somministrare un farmaco nebulizzandolo ad una velocita' di 5 millilitri al minuto invece che 0,2, un'enorme differenza".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA