Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Fisica & Matematica > Prodotta la luce dal vuoto

Prodotta la luce dal vuoto

L’esperimento conferma le teorie quantistiche

22 novembre, 09:02
Immagine artistica mostra le coppie di fotoni prodotte dalle vibrazioni dello specchio rotondo   (fonte: Philip Krantz, Chalmers) Immagine artistica mostra le coppie di fotoni prodotte dalle vibrazioni dello specchio rotondo (fonte: Philip Krantz, Chalmers)

E' stata prodotta la luce dal vuoto: per la prima volta sono state prodotte coppie di particelle di luce (fotoni) facendo oscillare molto rapidamente una sorta di 'specchio' superconduttore. Il risultato, descritto sulla rivista Nature, e' stato ottenuto in Svezia, nella Chalmers University of Technology di Goteborg, e potrebbe avere importanti applicazioni per lo sviluppo dei futuri computer quantistici.
L'esperimento si basa su un concetto molto importante introdotto dalla meccanica quantistica, secondo il quale il vuoto e' costituito da numerose particelle virtuali in continua fluttuazione che compaiono e scompaiono molto rapidamente. ''Dal vuoto quantistico, se eccitato, possono nascere particelle'', ha spiegato il fisico Carlo Cosmelli, dell'universita' di Roma La Sapienza, dove si occupa di computazione quantistica. Quuello condotto dai ricercatori svedesi, ha osservato, ''e' un esperimento  raffinato, nel quale, a temperature vicine allo zero assoluto, i ricercatori hanno posto in rapida oscillazione una scatola metallica ed eccitato cosi' il vuoto. In questo modo sono riusciti a produrre coppie di fotoni con massa zero''.  Per riuscire a far vibrare lo 'specchio' a velocita' vicine a quelle della luce i ricercatori svedesi hanno utilizzato un dispositivo chiamato Squid (Superconducting quantum interference device), estremamente sensibile ai campi magnetici e con il quale sono riusciti a cambiare la direzione del campo miliardi di volte al secondo, Le energie liberate da questo esperimento sono molto basse, ''ma le possibili applicazioni - ha osservato Cosmelli - possono essere molto interessanti se finalizzate alla realizzazione dei futuri computer quantistici''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati