Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Terra &Poli > Terremoto, finora più di 900 scosse

Terremoto, finora più di 900 scosse

Oltre 19.000 dal 24 agosto

28 ottobre, 16:58
Mappa della parte settentrionale della sequenza sismica dal 24 agosto al 28 ottobre 2016 (ore 10.00). La stella bianca è l’evento di magnitudo 5.4 del 24 agosto. Le due stelle rosse sono i terremoti del 26 ottobre (fonte: INGV) Mappa della parte settentrionale della sequenza sismica dal 24 agosto al 28 ottobre 2016 (ore 10.00). La stella bianca è l’evento di magnitudo 5.4 del 24 agosto. Le due stelle rosse sono i terremoti del 26 ottobre (fonte: INGV)

La terra torna a tremare violentemente nel Centro Italia a due mesi dal sisma del 24 agosto. Due scosse, la prima di magnitudo 5,4 e la seconda di magnitudo 5,9, sono state registrate mercoledì 26 ottobre con epicentro in Valnerina, rispettivamente alle 19:11 e alle 21:18. La seconda scossa ha avuto epicentro alla profondità di 8,4 chilometri nella zona di Ussita (Macerata), tra Visso e Castelsantangelo sul Nera.

Più di 900 repliche
Sono oltre 900 le repliche del terremoto del 26 ottobre fra Perugia e Macerata finora registrate dalla rete sismica dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Dopo quella delle 19,22 di ieri non sono avvenute altre scosse di magnitudo superiore a 4,0.
Considerando il legame fra il terremoto del 26 ottobre e quello nel Reatino del 24 agosto, si calcola che siano avvenute più di 19,000 repliche, in un'area che si estende per oltre 60 chilometri da Nord-Ovest a Sud-Est lungo la catena appenninica. Complessivamente dal 24 agosto sono stati registrati circa 330 terremoti di magnitudo compresa tra 3,0 e 4,0 e 20 quelli di magnitudo compresa tra 4,0 e 5,0 e 4 quelli di magnitudo maggiore di 5,0. 

Il terremoto di magnitudo 5,4 del 26 ottobre è stata una replica di quello del 24 agosto
Il primo forte terremoto del 26 ottobre scorso, quello di magnitudo 5,4, può essere considerato una replica del sisma del 24 agosto nel Reatino. E' quanto emerge dalle analisi in corso da parte dei sismologi dell'istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).
Il terremoto di magnitudo 5,4 avvenuto alle 19,10 del 26 ottobre fra Perugia e Macerata è infatti avvenuto nel margine settentrionale della sequenza sismica che si era attivata 24 agosto. "Per questo può essere considerato a tutti gli effetti una replica del terremoto di agosto", ha osservato il sismologo Massimo Cocco, dell'Ingv.
"Il fatto che il terremoto fosse avvenuto nel margine settentrionale della sequenza attivata il 24 agosto - ha aggiunto - ci faceva pensare che la sequenza sismica stesse migrando verso Nord, ed è proprio quello che è accaduto".
Di conseguenza il terremoto principale del 26 ottobre è stato quello di magnitudo 5,9, registrato alle 21,18 nella zona di Castel Sant'Angelo sul Nera, Visso e Ussita.

Le domande aperte
Nel frattempo i sismologi sono al lavoro per studiare la struttura delle faglie coinvolte.
"Le domande aperte riguardano la struttura della faglia, la sua profondità e soprattutto per capire se i terremoti di magnitudo 5,4 e 5,9 avvenuti ieri sera siano legati alla stessa faglia o a due faglie diverse", ha detto il sismologo Alessandro Amato, dell'Istituto Nazionale di geofisica e Vulcanologia (Ingv). Nel frattempo, ha proseguito, sono al lavoro anche i satelliti per rilevare immagini che, come è accaduto nel terremoto del 24 agosto - aiuteranno a capire se ci sono stati movimenti del suolo".

L'Appennino 'si estende'
Le analisi condotte dai sismologi dell’Ing nel corso della notte confermano il valore di 5,9 per la magnitudo del terremoto delle 21,18 del 26 ottore. E’ confermato anche il movimento di tipo estensionale, tipico dei terremoti dell’Appennino, caratterizzato dallo 'stiramento' dell'Appennino da Est a Ovest. Confermato anche il legame con il terremoto del 24 agosto nel Reatino: “la sismicità – ha osservato Amato - riguarda la zona a Nord di Norcia, che corrisponde alla propaggine settentrionale dell’area che si è attivata in agosto”.

Possibili 'doppie' repliche
Il terremoto di magnitudo 5,4 avvenuto oggi tra Perugia e Macerata, legato a quello del 24 agosto, potrebbe 'raddoppiare' le possibili repliche nella zona interessata da entrambi i sismi. "Il terremoto di oggi ha perturbato ulteriormente il volume crostale e nelle prossime ore sono possibili altre scosse perchè quelle del sisma di oggi potrebbero sommarsi a quelle del proseguimento della perturbazione del 24 agosto", ha detto il sismologo Massimo Cocco, dell'Ingv. 

Ingv, scossa più forte dopo 24 agosto 
Quella avvenuta oggi tra Perugia e Macerata è stata la scossa più forte scatenata dallo stesso sistema di faglie all'origine del terremoto di magnitudo 6,0 del 24 agosto. La sua intensità è pari a solo a quella avvenuta un'ora dopo la scossa principale. "Al momento non ci sono indicazioni per non considerare il terremoto di oggi una replica di quello del 24 agosto", ha detto il sismologo Massimo Cocco, dell'Ingv. 

Ingv, terremoto collegato a quello del 24 agosto
Il terremoto di magnitudo 5,4 avvenuto il 26 ottobre nella zona compresa tra Perugia e Macerata è collegato a quello che si è verificato il 24 agosto scorso nel Reatino. Lo ha detto il sismologo Alessandro Amato, dell'Ingv. "Il terremoto - ha proseguito - è avvenuto nel bordo settentrionale toccato dalla sequenza sismica attiva da due mesi". 

L'epicentro in Valnerina, il centro piu' vicino Castel Sant'Angelo sul Nera
Sono Castelsantangelo sul Nera, Visso, Ussita e Preci i comuni nell'epicentro del terremoto che ha interessato la provincia di Macerata. Nella zona sono saltate le linee elettriche. Tanta paura e crolli di cornicioni a Visso, in provincia di Macerata. La popolazione si è riversata in strada e sono numerosissime le telefonate ai vigili del fuoco. Il terremoto ha interessato tutto il centro Italia. La  scossa molto forte è stata avvertita in tutte le Marche, dalle zone terremotate dell'Ascolano ad Ancona, a Fabriano e Pesaro. Molte persone sono uscite di casa spaventate. Tantissime le chiamate ai vigili del fuoco. Non si sa ancora se ci sono stati danni. 
La forte scossa di terremoto è stata avvertita distintamente anche a Roma, anche nei piani basse delle abitazioni. I lampadari hanno tremato, le porte e le finestre hanno vibrato. Avvertita anche Rieti intorno alle 19.11 è durata svariata secondi. Avvertita ad Arezzo, a Perugia ed Assisi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA