Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Energia > Pareti intelligenti producono energia grazie al grafene

Pareti intelligenti producono energia grazie al grafene

Il materiale riesce a assorbire anche luce

01 marzo, 18:38
Celle solari basate su grafene (fonte: University of Surrey) Celle solari basate su grafene (fonte: University of Surrey)

Pareti intelligenti che catturano luce e calore, finestre in grado di produrre energia, e applicazioni per l'internet delle cose: diventano possibili grazie al materiale piu' sottile del mondo, il grafene, che pur essendo leggerissimo, ha battuto ogni record nella capacita' di assorbire la luce. Il risultato e' stato possibile imitando gli occhi delle farfalle notturne e si deve all'universita' britannica di Surrey, che lo ha pubblicato sulla rivista Science Advances.

''In natura esistono soluzioni semplici ma efficaci da cui abbiamo preso ispirazione per rispondere alle sfide tecnologiche del futuro''- ha osservato uno degli autori, Ravi Silva.
''Gli occhi delle falene per esempio - ha proseguito - hanno strutture microscopiche che permettono gli insetti di vedere al buio''. Queste strutture, ha spiegato, incanalano la luce verso la parte centrale degli occhi, con l'ulteriore vantaggio di eliminare i riflessi, che potrebbero essere visti da eventuali predatori. ''Abbiamo usato la stessa tecnica - ha detto Silva - per ottenere un materiale straordinariamente sottile ed efficace nell'assorbire la luce''.

Con lo spessore di un atomo, il grafene deriva dalla grafite, il materiale di cui sono fatte le comuni matite, e la sua scoperta e' stata premiata nel 2010 con il Nobel. Il materiale ha proprieta' straordinarie: conduce elettricita' come il rame, non ha rivali come conduttore di calore, inoltre e' completamente trasparente. Tuttavia, il grafene e' inefficiente per le applicazioni ottiche, perche' assorbe solo il 2,3% della luce che lo colpisce.

Ispirandosi agli occhi delle farfalle notturne, i ricercatori coordinati da Jose' Anguita hanno creato dei minuscoli canali nel grafene che ne hanno migliorato la capacita' di assorbire la luce del 90%. Il passo successivo sara' utilizzare questo materiale per realizzare nuove celle solari, molto piu' efficaci di quelle attuali nell'assorbire la luce, carta da parati e 'finestre intelligenti' in grado di produrre energia raccogliendo calore e luce. Tutte queste tecnologie, inoltre, potrebbero essere messe in comunicazione fra loro attraverso l'internet delle cose.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA