Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Energia > Prime batterie flessibili per computer indossabili

Prime batterie flessibili per computer indossabili

Si dilatano e si ricaricano senza fili

27 febbraio, 12:53
Le batterie flessibili che si allungano fino al 300% della loro dimensione originale (fonte: J. Rogers, University of Illinois)    Le batterie flessibili che si allungano fino al 300% della loro dimensione originale (fonte: J. Rogers, University of Illinois)
Correlati

Video

Si allungano fino al 300% della loro dimensione originale e si ricaricano senza fili: sono le prime batterie flessibili agli ioni di litio, grazie alle quali monitor avvolgibili e computer indossabili diventano più vicini. Il risultato, descritto sulla rivista Nature Communications, si deve al gruppo di ricerca coordinato dall'americano John Rogers, dell'università dell'Illinois.

Le batterie possono funzionare fino a 8-9 ore prima di essere ricaricata e continuano a essere efficienti anche dopo essere stata allungate, piegate, avvolte. Il processo di allungamento è reversibile e le batterie sono capaci di 20 cicli di ricarica.
Le nuove batterie hanno inoltre il vantaggio di ricaricarsi senza fili. Secondo gli autori le batterie flessibili potrebbero essere usate nell'elettronica flessibile, per esempio in dispositivi simili a 'pelli robotiche' da applicare sul corpo umano, per monitorare la salute o per schermi arrotolabili.

La capacità di queste batterie estensibili, sottolineano gli autori, è simile alle batterie tradizionali al litio che hanno le stesse dimensioni. Anche se la ricerca sui dispositivi elettronici procede a grandi passi e con buoni risultati uno degli ostacoli è costituito dalla progettazione di una fonte di un alimentatore in grado di sopportare la flessione e l'allungamento, pur mantenendo le sue prestazioni di accumulo di energia.
I ricercatori hanno superato questa difficoltà utilizzando strati di silicio sui quali sono stati installati elettrodi interconnessi fra loro per mezzo di sottilissimi cavi a spirale.

La matrice di silicio è quadrata e trasparente e contiene 100 elettrodi. "I componenti della batteria sono montati fianco a fianco e collegati da fitti e lunghi fili a spirale", ha osservato uno degli autori, Yonggang Huang della Northwestern University.
"Sono i fili a spirale - ha proseguito Huang - che permettono alle batterie di essere flessibili. Quando abbiamo allungato la batteria, i fili ondulati si sono spiegati come una fisarmonica. E' possibile allungare il dispositivo anche quando la batteria è al lavoro”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA