Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Energia > In fondo agli oceani i molluschi che mangiano idrogeno

In fondo agli oceani i molluschi che mangiano idrogeno

Alleati dei batteri che digeriscono questa fonte di energia pulita

21 agosto, 20:21
I batteri che trasformano l’idrogeno in cibo per i molluschi (fonte: Max Planck Institute, Nature) I batteri che trasformano l’idrogeno in cibo per i molluschi (fonte: Max Planck Institute, Nature)

Negli ambienti estremi delle profondità oceaniche, vicino ai gas caldissimi che fuoriescono dalle spaccature della crosta terrestre, vivono molluschi alleati di batteri che li aiutano a nutrirsi, trasformando l’idrogeno in ‘cibo’. La scoperta, pubblicata su Nature, è avvenuta durante una spedizione dei ricercatori del Max Planck Institute per lo studio dei camini idrotermali oceanici e ha portato alla luce le prime forme di vita conosciute alimentate a idrogeno. Questo elemento è uno dei più interessanti candidati come fonte di energia pulita del futuro e la scoperta di esseri viventi in grado di utilizzarlo per alimentarsi apre nuovi orizzonti alla ricerca in questo campo.
Sin dal ritrovamento, circa 30 anni fa, dei camini idrotermali a grandissime profondità, il mondo scientifico è stato rivoluzionato dall’enorme varietà e particolarità di forme di vita scoperte in questi ambienti estremi, nei quali i gas che fuoriescono dalle spaccature della crosta terrestre raggiungono temperature altissima, superiori a 400 gradi, e l’acqua è satura di sostanze tossiche come metano, idrogeno, metalli e ammoniaca.
I ricercatori dell’Istituto Max Planck hanno scoperto che i molluschi che vivono in questi ambienti riescono a sopravvivere in simbiosi con batteri in grado di sfruttare le sostanze tossiche, trasformandole in cibo per l’essere che le ospita. La scoperta dei molluschi ‘fuel cells’, cioè con ospiti che sfruttano l’idrogeno, è stata effettuata nella sorgente Logatchev, a circa 3000 metri di profondità nella dorsale medio atlantica, dove centinaia di metri quadri sono ricoperti di molluschi di vario tipo che, si stima, consumino circa 5000 litri di idrogeno l’ora.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati