Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Dossier > Nell'uva i segreti per combattere l'invecchiamento

Nell'uva i segreti per combattere l'invecchiamento

Racchiusi nel resveratrolo

19 dicembre, 16:02
L'uva nera è ricca è particolarmente ricca di resveratrolo, un potente antiossidante (fonte: Don Kasak) L'uva nera è ricca è particolarmente ricca di resveratrolo, un potente antiossidante (fonte: Don Kasak)

Il resveratrolo contenuto nell'uva e nel vino rosso è una potente sostanza antiossidante in grado di rallentare il processo di invecchiamento: lo hanno confermato esperimenti partiti dall'Italia e riprodotti in tutto il mondo, dagli Stati Uniti alla Cina, al Sudafrica.
Grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie e anti-aggreganti, questa sostanza aiuta infatti a prevenire malattie tipiche dell'invecchiamento, come deficit cognitivi e problemi muscolari, spiega il coordinatore delle prime ricerche di questo tipo fatte in Italia, Alessandro Cellerino, del laboratorio di Neurobiologia della Scuola Normale di Pisa.

Da tempo il resveratrolo è all’attenzione del mondo della ricerca, soprattutto perchè ha riesce ad influenzare processi molto diversi fra loro. Per questo si è deciso di studiarlo in dettaglio, osservandone gli effetti su un pesce chiamato Nothobranchius, che vive soltanto pochi mesi, crescendo e invecchiando molto rapidamente.
In condizioni naturali il Nothobranchius al confine tra Zimbabwe e Mozambico, in pozze che si asciugano all’arrivo della stagione secca. Grazie alla velocità del loro ciclo vitale sono diventati dei nuovi modelli animali per studiare i meccanismi dell’invecchiamento: ‘’permettono di eseguire in poco tempo esperimenti che richiederebbero molti anni’’, osserva Cellerino.

Nell’esperimento condotto nella Scuola Normale di Pisa i Nothobranchius sono stati nutriti con cibo arricchito di resveratrolo: ‘’abbiamo visto che vivevano più a lungo e che avevano miglioramenti neuromuscolari. Ad esempio, nuotavano più velocemente e mostravano un miglioramento nei test si apprendimento e memoria’’.
Questi risultati, che risalgono al 2006, sono stati replicati negli Stati Uniti in esperimenti analoghi condotti sui topi. ‘’In questi mammiferi il resveratrolo ha dimostrato di aiutare a prevenire alcune malattie legate all’invecchiamento, ma non ha aumentato la longevità’’. L’esperimento è stato ripetuto da altri gruppi di ricerca in Cina e Sudafrica con risultati analoghi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA