Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Dossier > Le biofabbriche della natura

Le biofabbriche della natura

Crocevia fra nutrizione e farmaceutica

09 aprile, 16:54
La nutraceutica è la scienza che studia di alimenti con funzione benefica sulla salute umana. La maggior parte dei cibi funzionali appartiene al mondo vegetale (fonte: Scuola Superiore Sant'Anna) La nutraceutica è la scienza che studia di alimenti con funzione benefica sulla salute umana. La maggior parte dei cibi funzionali appartiene al mondo vegetale (fonte: Scuola Superiore Sant'Anna)

Nutrizione e farmaceutica hanno incrociato le loro strade e dall’incontro delle due discipline è nato il filone di ricerca chiamato ‘’nutraceutica’’. Il termine è stato coniato nel 1989 da un ricercatore di origine italiana e l’obiettivo della nutraceutica è individuare quali, fra le sostanze naturalmente contenute in frutta e verdura , in alte concentrazioni possono avere effetti terapeutici.

Ad esempio, l’una nera e il vino rosso sono ricchi di una sostanza antiossidante chiamata resveratrolo; di ossidanti sono ricchi anche i pomodori e i frutti di bosco, mentre le albicocche sono ricche di vitamina C, carotenoidi e potassio. A seconda delle dosi alle quali vengono utilizzate, queste sostanze possono avere un valore terapeutico.

Non si tratta quindi semplicemente della base di un’alimentazione salutare, ma di un nuovo strumento al servizio della prevenzione e della terapia. La ricerca in questo campo sta gradualmente crescendo e si sta diffondendo anche in Italia, dove alcune università le dedicano dei corsi. Il punto della ricerca in questo campo è stato tracciato nella prima edizione de ‘’Il banco nutraceutico’’, organizzato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA