Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > Ridurre le calorie allunga la vita e fa stare meglio

Ridurre le calorie allunga la vita e fa stare meglio

Lo confermano le ricerche sulle scimmie

19 gennaio, 10:32
L'analisi delle osservazioni fatte sulle scimmie confermano che ridurre la quantità di calorie allunga la vita (fonte: Tambako The Jaguar) L'analisi delle osservazioni fatte sulle scimmie confermano che ridurre la quantità di calorie allunga la vita (fonte: Tambako The Jaguar)

Ridurre le calorie allunga la vita: se ne parla da molto tempo, ma i primi dati che lo confermano arrivano solo ora da una ricerca condotta sulle scimmie. Pubblicata sulla rivista Nature Communications, la ricerca è stata condotta negli Stati Uniti dall'università del Wisconsin-Madison e dal National Institute on Aging (Nia).

Finora questi due gruppi erano stati in competizione e nelle loro ricerche avevano ottenuto risultati differenti. Per la prima volta hanno collaborato e hanno dimostrato che limitare le calorie effettivamente aiuta ad avere una vita più lunga e sana. Così è stata risolta anche una delle maggiori controversie delle ricerche sull'invecchiamento.

La disputa era iniziata nel 2009, quando il gruppo dell'università del Wisconsin-Madison aveva dimostrato che ridurre le calorie allunga la vita, riduce il rischio di malattie cardiovascolari e cancro. Nel 2012, invece, i ricercatori del Nia aveva trovato che mangiare di meno non porta risultati significativi sulla durata della vita, ma solo a un miglioramento generale delle condizioni di salute.

''Questi risultati contrastanti avevano gettato un'ombra di dubbio'', ha osservato Rozalyn Anderson, dell'università del Wisconsin-Madison. I ricercatori hanno analizzato le informazioni raccolte nelle ricerche condotte in passato su quasi 200 scimmie e hanno capito anche perché i due studi davano risultati diversi.

In primo luogo gli animali erano stati messi a dieta in età diverse e adesso la nuova analisi dei dati ha dimostrato che mangiare meno è utile nei primati adulti e anziani, ma non nei giovani. In secondo luogo, nello studio del Nia, le scimmie di controllo avevano mangiato meno rispetto al gruppo di controllo dell'università del Wisconsin. Di conseguenza i benefici della restrizione calorica erano sembrati diversi. In terzo luogo, i due gruppi di scimmie erano stati sottoposti in precedenza a diete diverse e anche per questo il risultato della restrizione calorica è stato differente: le scimmie del Nia avevano mangiato alimenti di origine naturale, mentre le altre avevano sempre mangiato alimenti trasformati con elevato contenuto di zucchero.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA