Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > Il cervello 'si appisola' anche quando siamo svegli

Il cervello 'si appisola' anche quando siamo svegli

I neuroni passano da 'on' a 'off' per risparmiare energia

06 dicembre, 14:13
I neuroni fanno dei turni di riposo anche durante il giorno (fonte: Bryan Jones) I neuroni fanno dei turni di riposo anche durante il giorno (fonte: Bryan Jones)

Dormire in piedi non e' soltanto un modo di dire: anche durante la veglia, infatti, i neuroni del cervello fanno dei 'micro-pisolini' a turno. Questo continuo passaggio da uno stato 'on' di attivazione ad uno 'off' di riposo avviene nella frazione di secondi e interessa piccole porzioni del cervello alla volta: probabilmente finalizzato a risparmiare energia, finisce anche per condizionare il nostro livello di attenzione, causando episodi involontari di distrazione in cui percepiamo di essere 'sconnessi'. E' quanto dimostra uno studio dell'Universita' di Stanford pubblicato sulla rivista Science.

I ricercatori hanno scoperto questo fenomeno nelle scimmie, registrando l'attivita' delle 'colonne' di neuroni che formano i diversi strati della corteccia cerebrale. "Durante lo stato attivato, i neuroni della colonna iniziano a sparare segnali tutti insieme molto rapidamente, poi all'improvviso rallentano tutti", spiega Kwabena Boahen, docente di bioingegneria a Stanford. "Questo 'on' e 'off' avviene continuamente, come se i neuroni lanciassero una monetina per decidere se vogliono stare accesi o spenti".

Quando dobbiamo prestare attenzione ad uno stimolo proveniente dal mondo esterno, i neuroni corrispondenti nel cervello continuano a oscillare all'unisono tra 'on' e 'off', ma passano piu' tempo nello stato attivato, permettendo una reazione piu' rapida. "L'attenzione selettiva equivale ad avere piccole parti del cervello un po' piu' sveglie", sottolinea la coautrice dello studio, Tatiana Engel.

Perche' i neuroni si riposino a turno durante la veglia non e' ancora chiaro, ma i ricercatori sospettano che si tratti di un meccanismo di risparmio energetico. Inoltre, quando i neuroni sono attivi e 'sparano' ad alta frequenza, generano sostanze di scarto pericolose per le cellule stesse: i periodi di rallentamento potrebbero dunque servire anche a 'fare pulizia' ed eliminare i rifiuti tossici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA