Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > Morto il papà dei bambini in provetta

Morto il papà dei bambini in provetta

Robert Edwards, pioniere della fecondazione artificiale

10 aprile, 21:58
Louise Brown, la prima bambina in provetta Louise Brown, la prima bambina in provetta
Se ne e' andato con la soddisfazione di avere vissuto ''un'avventura fantastica'': cosi' il papa' dei bambini in provetta, Robert Edwards, definiva la tecnica che poco piu' di 30 anni ha visto nascere nel mondo oltre 4 milioni di bambini.
E' stato un traguardo che nel 2010 gli e' valso il Nobel per la Medicina, assegnato nel 2010, per essere stato il primo ad avere l'idea che per contrastare la sterilita' si potesse realizzare la fecondazione fuori dall'organismo.

Biologo ed embriologo, professore emerito dell'universita' britannica di Cambridge, Edwards e' diventato celebre per aver fatto nascere la prima bambina in provetta, Louise Brown, il 25 luglio 1978. Un risultato che probabilmente non avrebbe potuto raggiungere senza la collaborazione del ginecologo Patrick Streptoe, morto nel 1988. ''Dalla nascita di Louise Brown ho visto sorridere tanti genitori che temevano di non poter avere figli e ho visto la gioia di tanti bambini. Adesso non voglio che quella gioia sia soppressa in alcun modo'', aveva detto nella sua ultima intervista in Italia. Non stupisce quindi che ci fosse anche la sua firma nel documento con il quale, nel 2005, un gruppo di esperti internazionali condannava la legge 40 sulla fecondazione assistita.

Piccolo di statura, i capelli bianchi, Edwards aveva un'aria mite ma non era affatto tale. Dopo quella sulla fecondazione assistita ha sostenuto in prima persona altre battaglie, come quella sulla diagnosi genetica preimpianto e quella sulle staminali. Nel 2001, ad esempio, era intervenuto sulla rivista Nature difendendo le possibilita' ''sorprendenti'' che questo campo avrebbe avuto in molti settori della medicina.
''Penso - aveva detto in occasione di una visita in Italia - che sia molto importante conoscere tutte le enormi potenzialita' offerte dalle cellule staminali. Purtroppo molte persone non le capiscono, e fra esse ci sono anche molti politici''.

Nato a Manchester il 27 settembre 1925, Edwards ha dedicato la sua carriera scientifica allo studio della fecondazione, a partire dagli studi di embriologia condotti dagli anni '50. Dopo aver studiato biologia prima negli Stati Uniti e poi in Scozia, nel 1958 e' entrato nell'istituto Nazionale per la Ricerca Medica e Londra, dove ha cominciato le ricerche sul processo di fecondazione. Con Steptoe, l'altro suo 'braccio destro' e' stata l'infermiera Jean Purdy. Se entrambi fossero stati ancora in vita nel 2010, avrebbero potuto condividere il Nobel con lui.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA