Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Biotech > Gli uccelli hanno una supervista

Gli uccelli hanno una supervista

Vedono il mondo a colori sgargianti

28 giugno, 08:16
Gli uccelli vedono il mondo a colori accesi (fonte: David Kjaer) Gli uccelli vedono il mondo a colori accesi (fonte: David Kjaer)

Gli uccelli hanno una ‘supervista’ grazie alla quale vedono il mondo piu' colorato rispetto a come lo vediamo noi: lo ha scoperto un gruppo di ricerca americano e inglese dell'universita' di Yale e Cambridge che ha studiato il piumaggio e il sistema visivo di oltre cento specie di uccelli. Lo studio, pubblicato sulla rivista Behavioral Ecology, ha dimostrato che nella retina degli uccelli vi e' un maggior numero di cellule responsabili della visione a colori, i coni. Questa caratteristica rende gli uccelli sensibili alle gamme ultraviolette e quindi capaci di vedere colori che sono invisibili agli umani. "Rispetto agli uccelli noi siamo cechi ai colori” ha osservato uno degli autori, Richard Prum dell'universita' di Yale. Questa evoluzione e' avvenuta in milioni di anni ed e' stata responsabile anche del cambiamento del piumaggio degli uccelli, che hanno potuto creare pigmenti nuovi e sono passati gradualmente da livree dai colori spenti alle piume sgargianti e colorate che molte specie esibiscono oggi. ''L'umanita' ha vestito di grigio fino all'invenzione delle sostanze coloranti che hanno reso le tinture per i tessuti piu' economiche e aperto al strada all'esplosione di vestiti colorati che vediamo oggi'' hanno osservato Prum e William Robertson Coe dell'universita' di Yale. ''La stessa cosa sembrerebbe essere accaduta per gli uccelli''. Nonostante il loro ampio spettro visivo, gli uccelli tuttavia riproducono nel piumaggio sono il 26-30% dei colori che sono capaci di vedere. ''Non sappiamo perche' questo accada'' ha osservato una delle autrici, Mary Caswell Stoddard dell'universita' di Cambridge. ''Probabilmente – ha aggiunto - gli uccelli non hanno ancora sviluppato il meccanismo per riprodurre tutti i colori che vedono''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati