Scoperti più antichi ami da pesca a Okinawa, 23.000 anni

Ricavati intagliando gusci di lumaca di mare

19 settembre, 19:49
Foto: M. Fujita et. al., PNAS 113, 37 (16 September 2016) National Academy of Sciences
Foto: M. Fujita et. al., PNAS 113, 37 (16 September 2016) National Academy of Sciences

I più antichi pescatori al mondo vivevano sull'isola di Okinawa più di 20.000 anni fa. In una cava di calcare di questa piccola isola giapponese, un team di archeologi ha scoperto i più antichi ami da pesca mai ritrovati, risalenti a quasi 23.000 anni fa. E' quanto riporta Science Mag.
    Si tratta di due reperti, entrambi ricavati intagliando gusci di lumaca di mare. Uno dei manufatti è ultimato, l'altro è da rifinire. Il ritrovamento è stato fatto a Sakitari Cave, luogo occupato stagionalmente dai pescatori per via delle migrazioni di granchi e lumache di acqua dolce.
    Secondo gli studiosi, i reperti ritrovati risalirebbero ad un'epoca compresa tra i 22.380 e i 22.770 anni fa. Quindi di un'epoca vicina a quelli scoperti a Timor Est (datati tra 23.000 e 16.000 anni) e a quelli scoperti nel New Ireland in Papua Nuova Guinea (tra i 20.000 e i 18.000 anni).
    La scoperta avvalora l'affascinante ipotesi che questi primi uomini moderni fossero molto più avanzati di quanto si pensi nelle tecniche marinare, e quindi in grado di prosperare anche su piccole isole geograficamente isolate. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA